Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 473
MODICA - 09/01/2010
Attualità - Modica: decreti ingiuntivi dei 15 insegnanti dell’istituto musicale

Il Tar dà 4 mesi di tempo a Modica per pagare i docenti

Il comune dovrà versare 225 mila euro, con oneri giudiziari e professionali annessi

Su palazzo S. Domenico piovono decreti ingiuntivi. Gli ultimi quindici per un totale di 225mila euro sono quelli dei docenti dell’istituto musicale, che, stanchi di non ricevere i loro stipendi, si sono rivolti al Tar di Catania per avere riconosciuto quanto loro dovuto per le prestazioni professionali di due anni e relative al periodo 2005-2007.

A rivolgersi al Tar sono stati Angelo La Spina, Alessio Nicosia, Stefania Pistone, Giovanna Rizza, Stefano Sanfilippo, Davide Di Stefano, Francesco Drago, Salvatore Daniele Fidone, Lucia Serra, Gianluca Abbate, Cristina Zago, Vincenzo Di Mauro, Gabriele Cappellani, Giovanni Cultrera, tutti docenti dell’istituto musicale ed alle dipendenze dell’istituto Bellini di Catania il cui direttore Carmelo Giudice figura anche nell’elenco di quanti hanno adito le vie legali.

Il tar di Catania ha concesso al comune di Modica quattro mesi di tempo per ottemperare quanto disposto con la sentenza, pagare cioè i 225 mila euro con oneri giudiziari e professionali annessi, o sarà un commissario ad acta nominato dal prefetto di Ragusa a provvedere ed al quale il comune dovrà anche pagare l’onorario. Per il sindaco Antonello Buscema un’altra tegola in testa dopo quella che gli ha recapitato il suo collega di Scicli Giovanni Venticinque per il pagamento del debito di quasi sette milioni per l’utilizzo della discarica. L’amministrazione ha avviato contatti con i docenti dell’istituto musicale per concordare un piano di pagamento ma gli interessati sono ormai scottati da promesse ed impegni non mantenuti negli anni.