Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 983
MODICA - 27/12/2009
Attualità - Modica: interventi su scuole, viabilità, rete idrica e rete fognaria

Modica: 4 mini appalti per fronteggiare le emergenze

In tutto la giunta è riuscita a racimolare 175mila euro dal bilancio di quest’anno

Quattro appalti per fronteggiare le emergenze. Si tratta di quattro «mini» interventi, vista la consistenza dell’importo economico, deliberati dalla giunta per dare risposte alle richieste più urgenti. Scuole, viabilità, rete idrica e rete fognaria sono le aree dove sono previsti interventi di manutenzione urgente. In tutto la giunta è riuscita a racimolare 175mila euro dal bilancio di quest’anno anche se il sindaco Antonello Buscema si riserva un secondo appalto con somme più consistenti con il bilancio 2010.

Nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando con una procedura di urgenza proprio per tamponare le falle più evidenti. In particolare quelle della rete idrica dove le perdite sono numerose e le segnalazioni dei residenti sempre più insistenti. Ci sono poi motori e pompe di sollevamento da sostituire lungo la condotta idrica che da Cafeo porta l’acqua in città. Appena sessanta mila euro sono destinati ai cento chilometri della rete viaria urbana con strade ad alta percorrenza come via Risorgimento e via Trapani Rocciola ormai ridotte a gruviera, con fossi, avvallamenti e tombini malmessi che rendono pericoloso il traffico di ogni giorno.

Nelle scuole dell’obbligo della città, in particolare a Modica Alta ed al S. Cuore ci sono vetri e finestre rotte, bagni che non funzionano, porte che non si chiudono e la manutenzione dovrà servire a rendere agibili i locali scolastici. In attesa di un intervento globale e più mirato ma per questo bisognerà sperare nel prossimo bilancio e nell’opera di risanamento dell’ente.