Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 783
MODICA - 04/12/2009
Attualità - Modica: definito il primo dei 3 lotti della strada alternativa a corso Umberto I

Modica: pioggia di euro da Palermo per progetti ambiziosi

Dal ponte di Baravitalla al capannone della protezione civile

Il primo lotto è stato approvato, per gli altri due bisognerà attendere. Sono state comunque poste le basi per la realizzazione dell’arteria alternativa a corso Umberto I, propedeutica alla chiusura, nei weekend, del salotto buono della città. I tempi sono però ancora lunghi, dal momento che la realizzazione dell’arteria sarà, oltre che complessa, anche costosa. La strada dovrebbe partire dall’area ovest della città, tra via San Giuliano e il quartiere Giganta, fino ad arrivare al quartiere Fontana. E’ questo il punto saliente del vertice palermitano di ieri tra il sindaco Antonello Buscema, l’assessore alla protezione civile Elio Scifo e il responsabile regionale Salvo Cocina.

L’incontro si è rivelato utile anche per l’individuazione dei finanziamenti per un milione 342mila euro, per procedere al consolidamento delle grotte sottostanti le scuole del quartiere Milano – Palermo. Previsto altresì il consolidamento e la messa in sicurezza del Ponte di Baravitalla a Cava Ispica, per un importo di 427mila euro. Il ponte, come si ricorderà, crollò qualche anno fa a causa di una pioggia torrenziale. I fondi sono quelli previsti dall’assessorato territorio ed ambiente e presto saranno emanati i decreti di finanziamento.

Sono poi in fase di definizione gli adempimenti di ordine amministrativo e tecnico per la realizzazione del capannone della protezione civile , su un’area di 4mila 500 metri quadrati, adiacente la caserma dei vigili del fuoco, con annessa tendopoli. Per quanto riguarda l’impiego delle somme delle economie derivanti dai lavori dei costoni rocciosi, un milione 350mila euro sarà impiegato per il completamento di due opere: l’albergo dei poveri a Modica Alta e il consolidamento e la messa in sicurezza della scuola media «Scrofani» di via Garibaldi. Una pioggia di euro per la città, in attesa che gli interventi finanziati diventino ben presto una realtà.