Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 931
MODICA - 19/11/2009
Attualità - Modica: proposta la ristrutturazione del palazzo degli studi

Modica: per il Pd l´artistico va allogato in centro storico

Il partito prende ufficialmente posizione e chiede alla provincia di rivedere i suoi progetti di edilizia scolastica riguardo alla nuova sede

No alla sede del liceo artistico al quartiere S. Cuore. Il Pd prende ufficialmente posizione e chiede alla provincia di rivedere i suoi progetti di edilizia scolastica riguardo alla nuova sede dell’artistico. Tutto lo stato maggiore del Pd , sindaco Buscema compreso, si è riunito nella sede di corso Umberto per fare il punto della situazione politico-amministrativa in città ed ha affrontato la questione palazzo degli studi dopo la relazione dell’assessore all’urbanistica Elio Scifo.

Il Pd chiederà alla provincia di investire i dieci milioni di euro che l’amministrazione Antoci ha appostato nel bilancio per la costruzione della nuova sede dell’artistico a Treppiedi sud nella ristrutturazione del palazzo degli studi. Il terzo piano dell’edificio è infatti chiuso perché inagibile da 40 anni e il liceo Tommaso Campailla, di cui l’artistico costituisce una sezione insieme al classico, potrebbe essere destinato a riunire i due corsi di studio del Campailla.

Per il Pd questa è operazione che restituirebbe l’edificio alla città nella sua pienezza funzionale e risolverebbe nel contempo il problema dei locali del liceo classico, oggi occupante l’ammezzato ed il primo piano dello stabile, oltre che dell’artistico visto che ci sono disponibili non meno di trenta locali all’ultimo piano del palazzo degli studi.

Il Pd si è ritrovato compatto su questa linea e chiederà un incontro al presidente della provincia Antoci ed all’assessore alla pubblica istruzione Giampiccolo per capire se e come l’amministrazione provinciale vuole procedere. «Vogliamo stanare l’amministrazione provinciale –dice uno dei partecipanti alla riunione del Pd che vuole restare anonimo- Antoci e compagni oggi dicono una cosa e domani ne dicono un’altra. Andiamo avanti così da cinque anni. Per noi il recupero del palazzo degli studi è una priorità per cui riteniamo che la somma stanziata dalla provincia vada spesa nel palazzo degli studi».