Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 649
MODICA - 18/11/2009
Attualità - Modica: scoppia la polemica dopo la comparsa del cioccolato fasullo

Ciocco tarocco. Se la barretta, di modicano, ha solo il nome?

Indignato il presidente del consorzio del cioccolato modicano Tonino Spinello

«Ciocco tarocco» è servito. Il cioccolato modicano fasullo scuote gli animi e le coscienze di chi si è prodigato da ben sei anni, invano, nel difficile tentativo di ottenere il marchio d’identità geografica protetta (Igp) per il dolce prodotto della contea di Modica. Il caso delle barrette di cioccolato, che di modicano presentano solo il nome, in vendita nell’aeroporto di Catania ed anche in parecchi altri luoghi, indigna quanti si sentono impotenti dinanzi ad un burocrazia sempre più impantanata. In primis il presidente del consorzio di tutela del cioccolato modicano Tonino Spinello, che costituì l’organismo con il precipuo obiettivo dell’ottenimento dell’Igp per il cioccolato di Modica. Correva l’anno di grazia 2003.

Ad oggi, la bella idea è rimasta sulla carta, ma non solo per colpa della burocrazia. Spinello non lo dice apertamente, ma lascia tuttavia intendere che qualcuno ha remato contro, per impedire l’ottenimento del marchio. Qualche «franco tiratore» si sarebbe chiamato fuori da questa battaglia, mantenendo un profilo basso che ha finito con l’indebolire l’azione del consorzio del cioccolato, già bloccata non solo dalle pastoie burocratiche, ma anche dal continuo cambio di assessori e funzionari regionali, che, in pratica, ha determinato l’«azzeramento» dell’iter volto all’ottenimento dell’Igp.

Adesso, dopo la temuta comparsa della barrette fasulle, diretta conseguenza della mancanza di un marchio che tuteli il cioccolato modicano originale, è stato fissato un incontro a Ragusa per fare fronte comune e imprimere un’accelerata all’iter per l’ottenimento dell’Igp. Al vertice prenderanno parte la Camera di commercio, la Confederazione nazionale delle piccole e medie imprese e il Consorzio di tutela del cioccolato modicano. Burocrazia permettendo.

L´ASSESSORE PROVINCIALE ALLO SVILUPPO ECONOMICO ENZO CAVALLO HA INCONTRATO IL PRESIDENTE DEL CONSORZIO DI TUTELA DEL CIOCCOLATO MODICANO TONINO SPINELLO PER FARE IL PUNTO DELLA SITUAZIONE
L’assessore allo sviluppo economico Enzo Cavallo ha incontrato Tonino Spinello per ottenere un chiarimento sulla vicenda. L’incontro si è rivelato utile anche per fare il punto sullo stato di avanzamento della richiesta di riconoscimento del marchio di certificazione Igp, inoltrata al Ministero per le Politiche Agricole dalla Camera di Commercio di Ragusa.

«Dal colloquio con il presidente Spinello – dichiara l’assessore Cavallo – sono emerse delle difficoltà di carattere burocratico che la Camcom sta cercando di superare nella fase dell’istruttoria dell’iter. Si tratta infatti – prosegue Cavallo – di una difficoltà legata proprio alla produzione del cioccolato, condizione che non si verifica dunque per altri prodotti». Il cacao, materia prima del cioccolato con la «C» maiuscola, viene difatti coltivato e prodotto in paesi come il Messico, complicando quindi l’iter per l’ottenimento del marchio d’identità geografica protetta, di norma rilasciato solo per generi alimentari prodotti nel territorio che inoltra la richiesta di tutela.

LE INIZIATIVE DI FAILLA E FICILI
Intanto un ordine del giorno è stato presentato in Consiglio Provinciale dal vice presidente dell’organismo Sebastiano Failla per sbloccare l´iter del riconoscimento dell´Igp per il cioccolato di Modica.

Il documento sarà inviato al Ministero delle Politiche Agricole per fare sì che il dolce prodotto modicano sia tutelato quanto prima dalle imitazioni, che rischiano di offuscarne la rinomata qualità. Dello stesso avviso il capogruppo in consiglio provinciale dell’Udc Bartolo Ficili.