Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 110
MODICA - 14/11/2007
Attualità - Modica - Singolare decisione in commissariato

I netturbini si autodenunciano
per ottenere gli stipendi

La Busso è in difficoltà per avere anticipato somme importanti Foto Corrierediragusa.it

Quindici operatori ecologici alla dipendenze della Busso si sono autodenunciati presso il commissariato di Modica. I quindici lavoratori hanno voluto così mettere le mani avanti rispetto ad azioni di lotta che hanno preannunciato per ottenere il pagamento degli stipendi da parte dell’impresa che ha in appalto il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani.

I lavoratori hanno dichiarato anche il loro stato di estremo disagio per una situazione molto difficile di cui non intravedono sbocchi imminenti e che potrebbe portare ad azioni eclatanti. L’azione intrapresa dai quindici operatori ecologici è venuta a conclusione di una ennesima giornata convulsa che ha visto da un lato i lavoratori e dall’altro Giuseppe Busso (nella foto), titolare della impresa, e l’amministrazione.

Ieri il sindaco Torchi ha firmato un mandato da 200mila euro a favore dell’impresa perché questa procedesse al pagamento di uno dei due stipendi arretrati ma il titolare ha subito preannunciato che i soldi del mandato saranno incamerati e non destinati agli stipendi visto che la Busso ha già anticipato quasi due milioni di euro. Questa ferma posizione è stata ribadita da Giuseppe Busso davanti al sindaco ed all’assessore all’ecologia Nino Gerratana ed al rappresentante sindacale Franco Notarnicola.

La Busso è in gravi difficoltà per avere anticipato somme importanti che mettono a serio rischio l’operatività della impresa per cui il mandato sarà utilizzato per coprire le spese pregresse. Non sono bastate le promesse di un ulteriore mandato per la prossima settimana di 70mila euro perché Giuseppe Busso ricedesse dalla sua posizione. I lavoratori stanno pensando ad intraprendere una azione di lotta molto dura per vedere riconosciuti i loro diritti ed assicurarsi un futuro meno compromesso di quanto appaia oggi.