Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 931
MODICA - 13/11/2007
Attualità - Modica - Secondo atto delle modifiche al traffico

Via Conceria a senso invertito:
comincia la rivoluzione
viabilità anche in centro

Rispunta l’idea dell’isola pedonale permanente in corso Umberto Foto Corrierediragusa.it

Archiviato il piano del traffico al quartiere S. Cuore l’assessore alla viabilità comincia a mettere mano a quello per il centro storico. Si tratta ancora di un timido tentativo ma Giorgio Aprile punta a ridisegnare la viabilità nel centro storico della città con una serie di mini provvedimenti.

Il primo è stato l’inversione di marcia nella via Conceria. Questa è una parallela del viale Medaglie d’oro ed era finora percorribile sulla stessa direttrice del viale principale. Da ieri l’arteria è invece a senso inverso consentendo così un più facile deflusso verso il quartiere Dente, via Stazione e via Vittorio Veneto.

« Metteremo mano anche ad altro, non rivoluzioneremo nulla ma , come nel caso di via Conceria, cercheremo soluzioni più razionali» ? dice l’assessore. Giorgio Aprile non si sbilancia ma allo studio c’è il divieto di inversione di marcia in piazza Municipio che oggi crea intasamenti a catena. Gli automobilisti saranno costretti ad invertire la marcia solo alla fine del corso Umberto , a S. Francesco alla cava, dove sarà creata una mini rotatoria.

In progetto c’è poi un parcheggio nella zona di S. Maria che consentirà di decongestionare la via marchesa Tedeschi e l’avvio definitivo dell’isola pedonale tra piazza Municipio e la chiesa di S. Pietro nei festivi e pre festivi finora non attuato per via dei lavori sulla via S. Benedetto.

L’assessore pensa anche ad una redistribuzione degli spazi per i parcheggi per migliorare i flussi di traffico e soprattutto alla creazione dell’isola pedonale permanente in corso Umberto anche se questo progetto incontra molte resistenze e difficoltà oggettive per la mancanza di una vera e propria strada alternativa.