Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 986
MODICA - 02/11/2009
Attualità - Modica: prevista una nuova concessione a privati e una corsia preferenziale per le navette

Riapertura del megaparcheggio di viale Medaglie D´Oro?

"Il problema è complesso –ammette l’assessore- Abbiamo cominciato con alcuni provvedimenti per scoraggiare la sosta selvaggia su marciapiedi e piazze"
Foto CorrierediRagusa.it

Apertura del megaparcheggio di viale Medaglie d’oro (nella foto) con una nuova concessione a privati, corsia preferenziale per le navette, eliminazione di parcheggi lungo il corso Umberto. Antonio Calabrese, assessore alla viabilità, pensa a questo intervento per cominciare ad aggredire la questione traffico nel centro storico della città.

«Il problema è complesso –ammette l’assessore- Abbiamo cominciato con alcuni provvedimenti per scoraggiare la sosta selvaggia su marciapiedi e piazze, vogliamo proseguire con qualche altro piccolo passo». L’assessore ha fissato un appuntamento con i responsabili dei vigili del fuoco per ottenere l’autorizzazione all’apertura del parcheggio. «Credo che non ci siano ostacoli insormontabili per ottenere la certificazione antincendio; da qui ripartiremo per avviare una gara per la concessione della struttura, capace, è bene ricordarlo di almeno 300 posti macchina».

L’amministrazione ha già pensato ad uno schema di delibera che prevede non solo la concessione per l’utilizzo del parcheggio multipiano ma anche la garanzia dell’istituzione di un servizio di navetta che colleghi il parcheggio a piazza Municipio. Per favorire la mobilità e la velocità di quanti parcheggeranno in fondo al viale Medaglie d’oro sarà istituita una corsia preferenziale per la navetta in modo da collegare il corso Umberto nel modo più veloce possibile. «Abbiamo già studiato il problema ed è di facile soluzione perché basta eliminare una ventina di posti macchina lungo il corso per far sì che la navetta possa viaggiare senza problemi. Garantire la velocità del collegamento è infatti essenziale e sarà l’arma vincente- dice l’assessore».

Anche per le zone blù nel centro storico ci saranno novità in quanto saranno aumentati lungo il corso Umberto e favoriti i residenti nel centro storico con spazi loro dedicati. «Non possiamo pensare ad altro in questo momento visto che la situazione finanziaria del comune è quella che è». Sull’utilizzo dei vigili urbani gli automobilisti hanno rilevato una presenza più assidua lungo gli snodi vitali.

«Lo abbiamo potuto fare –dice l’assessore Calabrese- grazie all’utilizzo del personale della Multiservizi davanti alle scuole; questo ci consente di avere un maggiori di vigili disponibili che utilizziamo all’imbocco della Ss114 in contrada Caitina con un dimezzamento notevole dei tempi di percorrenza dell’anello del polo commerciale ed all’incrocio della via De Gasperi, oltre che in piazza Rizzone in centro storico dove non consentiamo più di parcheggiare in modo da favorire il deflusso del traffico». Alla luce delle valutazione dell’assessore difficile pensare alla strada alternativa al corso Umberto in tempi brevi.

Nonostante la prima parte del progetto sia stata approvata dal consiglio comunale ne restano infatti due tratti che sono quelli più impegnativi dal punto di vista tecnico e finanziario. Il primo tratto, dal ponte S. Giuliano a via Tirella, non sarà sufficiente a scavalcare il vero nodo del traffico cittadino che è corso Umberto. L’apertura del parcheggio e la relativa navetta possono essere un antidoto alla congestione ma non risolve il problema dell’attraversamento della città da Modica Alta al S. Cuore. Altro punto dolente è quello dell’invasione notturna delle macchine nel centro storico soprattutto nei fine settimana e nei festivi che non si riesce ad arginare per mancanza di personale e di controlli.