Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 973
MODICA - 01/11/2009
Attualità - Modica: la ricetta del direttore generale per il Mediterraneo di Starwood hotels

Giaquinta: "Per lanciare il turismo bisogna fare sistema"

Serve un approccio manageriale perché non esiste ancora un «prodotto Sicilia»
Foto CorrierediRagusa.it

«Abbiamo il prodotto, abbiamo le bellezze artistiche e naturali, abbiamo un buon clima, ora bisogna fare sistema». E’ questo il messaggio che Stefano Giaquinta affida agli amministratori, che accolgono il direttore generale per il Mediterraneo di Starwood hotels e trenta tour operator americani a palazzo S. Domenico. Il direttore di origine giarratenese detta la sua ricetta nonostante la giovane età.

«Per fare turismo bisogna mettere in vendita il luogo, la regione, il territorio e per questo serve il concorso di tutti; politica, imprenditori, privati. In Sicilia serve un approccio manageriale perché non esiste ancora un «prodotto Sicilia» e non basta dire che ci sono posti belli da visitare. Dal punto di vista del marketing bisogna inoltre identificare la concorrenza,sfruttare i loro punti deboli e saper offrire il proprio prodotto.

Insomma serve creare il sogno della destinazione. Oggi c’è solo un turismo di elite intellettuale, alla ricerca di arte e storia; un turista che definisco «self made» che fa da sé ma non c’è grande capacità di attrazione. Occorre poi creare un follow up, un seguito, alla tante partecipazione a borse del turismo e promozioni. Non basta partecipare ma seguire il prodotto e verificare quali sono gli esiti della promozione perché altrimenti tutto è vano».

Le parole del giovane manager ibleo sono una sollecitazione e possono servire a far riflettere quanti puntano sul turismo in tutta la Sicilia. Stefano Giaquinta vuole essere propositivo ma lancia anche un segnale di allarme «Credo che il turismo di qualità che noi come Starwood promuoviamo abbia bisogno di città e campagne tutelate, non violentate; attenti dunque a ferire il territorio anche se nella nostra provincia siamo riusciti a mantenere una certa identità.

C’è poi un problema traffico, viabilità e confusione ambientale. Lavorare su questi aspetti e migliorarli è essenziale per attirare flussi turistici». La visita dei trenta tour operator americani in provincia è stata inserita nel percorso Malta Catania che Starwood ha cominciato a promuovere; grazie al collegamento Malta Pozzallo la provincia di Ragusa potrà essere inserita nell’itinerario che le agenzie americane cominceranno a proporre dalla prossima stagione.