Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1246
MODICA - 21/10/2009
Attualità - Modica: l’amministrazione approverà il nuovo bando di gara a giorni

Refezione scolastica al via a Modica tra due settimane

Il nuovo appalto avrà una durata almeno biennale

Dovranno attendere almeno due settimane gli studenti della scuola dell’obbligo per usufruire del servizio pasti. L’amministrazione approverà il nuovo bando di gara in corso di settimana e concederà dieci giorni alle imprese che vorranno partecipare alla gara per presentare le loro offerte. Tra apertura delle buste ed aggiudicazione è prevedibile pensare che il servizio non potrà essere avviato prima della prima settimana di novembre, se tutto andrà per il verso giusto.

«Il nuovo appalto avrà una durata almeno biennale – annuncia l’assessore alla pubblica istruzione Antonio Calabrese - la giunta esaminerà l’atto nella seduta già convocata per venerdì. Abbiamo tardato perché il servizio prevede alcune novità rispetto allo scorso anno; abbiamo accolto alcuni rilievi delle famiglie degli studenti rispetto al servizio offerto nello scorso anno scolastico ed abbiamo cercato di migliorare l’organizzazione a cominciare dalla ubicazione del centro smistamento che sarà ormai in città».

Dal canto loro le famiglie sono a disagio e devono provvedere personalmente al pasto di metà giornata; in molti casi gli studenti lasciano la scuola per far ritorno a casa e non partecipano alle attività pomeridiane. I genitori degli studenti hanno lanciato attraverso il sindacato autonomo I.S.A. un appello al sindaco Antonello Buscema affinché il servizio mensa sia avviato al più presto. Sono circa 400 le famiglie interessate al problema ed in ballo ci sono anche 14 posti di lavoro. Si tratta degli addetti alla distribuzione ed alla consegna dei pasti che sono ancora fermi a distanza di oltre un mese dall’inizio della scuola nonostante l’amministrazione avesse annunciato che quest’anno il servizio sarebbe stato avviato dal primo giorno di questo mese.