Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 829
MODICA - 20/10/2009
Attualità - Modica: quando la poesia fa rima con i sapori

Chiaramonte intepreta Poidomani in cucina

E’ stata la taverna Nicastro ad ospitare il pranzo domenicale descritto dal poeta modicano e rievocato dal famoso chef Foto Corrierediragusa.it

Il trionfo dei sapori del nostro territorio secondo Raffaele Poidomani. Interprete di eccezione del Poidomani, scrittore di piatti e pietanze, lo chef Carmelo Chiaramonte che in una due giorni promossa dall’associazIone Touchè ha cucinato per palati curiosi ed allo stesso memori di un gusto ormai superato dai tempi. Il brodo di zia Maria, personaggio di «Carrubbe e Cavalieri», è la pietanza festiva che riunisce la famiglia cui fa seguito un secondo di pesci poveri accomunati da una bevanda che Raffaele definisce «gazzosa botticelliana» perché fa esplodere l’erutto.

Il classico bollito di vitello è seguito invece da uno yogurt limonoso «con profumo di sepolcro e tabacco da naso». Carmelo Chiaramonte gioca con Poidomani ma ne coglie lo spirito intrinseco e soprattutto valorizza gli aromi che della cucina di Chiaramonte sono parte fondamentale. «Lo scrittore nelle sue opere richiama in maniera molto precisa e profonda i profumi del territorio, i sapori, le essenze aromatiche nelle pietanze. Una delle pagine più simpatiche, più interessanti e che mi ha divertito tantissimo è «Il Paese delle Terrazze» dove, in particolare, c’è una descrizione dell’attività peristaltica e della fase finale della digestione.

E’ stata la taverna Nicastro ad ospitare il pranzo domenicale descritto da Raffaele Poidomani mentre alla «Confraternita dei Cenacolari dell’Antica Contea» a Ragusa Ibla i protagonisti sono stati gli studenti delle scuole superiori, stupiti dalla ricchezza e dalla bontà dei piatti presentati. «La riscoperta della cucina tradizionale, riletta come veicolo per approfondire e scoprire la identità culturale ed anche letteraria di un territorio –dice Giuseppe Tumino, presidente della Camera di Commercio - è un valore aggiunto che deve essere acquisito anche dal sistema delle imprese alberghiere e della ristorazione, alle quali abbiamo pensato nel contribuire a questa felice iniziativa».