Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1049
MODICA - 15/10/2009
Attualità - Modica: raggiungere il posto di lavoro può diventare un calvario

Modica: traffico veicolare da incubo, si perde tempo

La fila all’apertura di uffici e scuole diventa insostenibile e occorrono più di quindici minuti per percorrere poche centinaia di metri

Raggiungere il posto di lavoro può diventare un calvario. Niente vigili al quartiere S. Cuore negli snodi più sensibili della circolazione. Succede nella nuova bretella che da via Risorgimento immette su viale De Gasperi e nei pressi di piazza degli Oleandri. La fila all’apertura di uffici e scuole diventa insostenibile e occorrono più di quindici minuti per percorrere poche centinaia di metri. Impiegati, studenti, professionisti imbufaliti per l’impossibilità di rispettare i tempi e soprattutto per la mancanza di vigili agli incroci in grado di far defluire con più ordine il traffico.

Non va meglio all’ingresso del corso Umberto quando il traffico in entrata nel centro storico trova imbottigliamenti attorno alla rotonda di piazza Rizzone. Dal quartiere S. Cuore al centro della città non bastano dunque mezzora soprattutto in caso di pioggia o di qualche lavoro di manutenzione straordinaria. Sul tema traffico Salvatore Baglieri, coordinatore cittadino giovanile di Idv, è molto critico con la giunta Buscema perché quanto era stato programmato un anno fa nel corso di unaa riunionee con i residenti ed i commercianti del S. Cuore, non è stato concretizzato. «Il problema traffico- dice Salvatore Baglieri- si è aggravato. Erano state annunciate rotatorie, apertura di due strade adiacenti a via S. Cuore, un’area per parcheggi, la gestione dell’autorimessa esistente in via S. Cuore ai commercianti. Niente di tutto questo. Siamo fermi al passato».