Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 929
MODICA - 15/10/2009
Attualità - Modica: prosegue la vicenda che il sindaco ha bollato come "torbida"

Modica: commissione tecnica per gli operatori ecologici

Antonello Buscema e l’amministrazione intendono salvaguardare i livelli occupazionali
Foto CorrierediRagusa.it

Una commissione tecnica si occuperà della verifica dei numeri e delle qualifiche degli operatori ecologici che dovranno essere assunti dalla ditta Puccia. Il sindaco Antonello Buscema (nella foto) e l’amministrazione intendono salvaguardare i livelli occupazionali e far transitare i lavoratori già alle dipendenze della Busso alla Puccia, di cui al momento sfugge la consistenza.

«Non ci sono licenziamenti in atto» dice il sindaco. Ieri tuttavia nove operatori ecologici sono rimasti fermi e non hanno lavorato perché la Puccia non ha fatto ancora sottoscrivere loro il contratto. Dovranno attendere la verifica della commissione tecnica e la contrattazione ancora aperta con la Puccia che da parte sua ha rilevato come alcune qualifiche sono esorbitanti rispetto alle necessità dell’impresa. La vertenza igiene urbana non si muove soltanto sul piano occupazionale ed operativo ma anche sul fronte della scelta operata dall’amministrazione in favore della Puccia che, come sostiene il sindaco in una sua nota, è stata prescelta perché operante nel territorio di Ragusa come recitava la richiesta del sindaco a presentare manifestazioni di interesse per assicurare il servizio.

«Non abbiamo aperto la busta della Geo – dice il sindaco - perché non è operante in questo territorio. Dopo il versamento della cauzione richiesta alla Geo il dirigente ha aperto l’offerta ed ha verificato che non c’è alcuna condizione perché la scelta della Puccia possa essere modificata. Non abbiamo ancora ricevuto il ricorso della Geo e attendiamo di conoscere le determinazioni della giustizia amministrativa».

Per Giovanni Pappalardo, legale della Geo, il sindaco non è bene informato perché il decreto del Tar è stato notificato al comune giorno otto. «Il dispositivo - sostiene il legale - ordina all’amministrazione di provvedere al vaglio della disponibilità della Geo entro giorno 10. «E’ molto grave che il sindaco sostenga che non vi sono ragioni per modificare l´affidamento alla Puccia, posto che lui non avrebbe dovuto affidare prima di vagliare tutte le disponibilità pervenute. Affidamento avvenuto nella tarda serata del giorno 9 ottobre, cioè dopo avere avuto notificato a mezzo fax il decreto del presidente del Tar.

E’ chiaro che in questa vicenda - dichiara il legale della Geo - esiste una «riserva mentale» da parte dell’amministrazione comunale di Modica in ordine alle ditta da prescegliere; doveva essere quella sin dal principio e quella dovrà comunque essere».