Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 600
MODICA - 13/10/2009
Attualità - Modica: effetti devastanti dal punto di vista igienico sanitario

Rivolta tra i residenti di viale Manzoni per il mercato

Giovanni Migliore, Pdl, e Giorgio Zaccaria, Pd, hanno raccolto l’allarme dei residenti e portato alla ribalta il problema che è diventato ormai emergenza
Foto CorrierediRagusa.it

E’ rivolta tra i residenti di viale Manzoni a Modica Alta (nella foto). Quanto successo a conclusione dell’ultimo mercato rionale di giovedì scorso ha indotto i cittadini a protestare con sindaco, amministrazione e consiglieri comunali per gli effetti devastanti dal punto di vista igienico sanitario. Complice lo sciopero dei netturbini immondizia, scatoloni, resti di genieri alimentari, sono rimasti ammassati in tutti gli angoli del viale ed anche nel bel mezzo della strada (vedi Foto).

«Non ne possiamo più, è sempre la solita storia – dice un residente – Ci siamo rivolti all’amministrazione ma tutti fanno orecchi da mercante. Abbiamo anche suggerito di spostare il mercato nell’area dell’ex foro Boario in via Fontana ma la nostra proposta non ha avuto seguito». Giovanni Migliore, Pdl, e Giorgio Zaccaria, Pd, hanno raccolto l’allarme dei residenti e portato alla ribalta il problema che è diventato ormai emergenza. Non c’è infatti solo una questione igienico sanitaria ma di vivibilità complessiva.

Lungo il viale Manzoni, densamente popolato, si affacciano due scuole, e la strada è collegamento essenziale per il transito in questa parte della città. Il mercato del giovedì blocca per mezza giornata tutte le attività ed i riflessi sono pesanti. Non si lamentano invece quanti risiedono in altre parti di Modica alta perché il mercato è ad un tiro di schioppo, facilmente raggiungibile anche con i mezzi pubblici; anche per i titolari di esercizi commerciali della zona il mercato non costituisce un problema; all’amministrazione tocca ora dirimere l’intricata questione salvaguardando l’interesse collettivo.