Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 996
MODICA - 01/10/2009
Attualità - Modica: la pubblicazione entro la fine dell’anno. L’appalto dei lavori nei primi mesi del 2010

Giunta approva iter bando europeo per la gestione rifiuti

Adesso la palla passa al consiglio comunale, che dovrà fornire il suo assenso per velocizzare i tempi tecnici

Si è sbloccato l’iter che porterà al bando di gara integrato con l’Ato ambiente per l’appalto del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nei prossimi sette anni. Agli operatori ecologici sono state fornite dall’amministrazione Buscema ampie rassicurazioni sul futuro lavorativo e sulla puntuale erogazione delle spettanze, con la mediazione del prefetto Francesca Cannizzo e dei sindacati. La giunta comunale ha approvato all’unanimità il percorso sa seguire per il bando integrato, che comporterà una spesa di oltre 46 milioni di euro per il comune.

Adesso la palla passa al consiglio comunale, che dovrà fornire il suo assenso per velocizzare i tempi tecnici. Se non si registreranno intoppi, il bando potrà essere pubblicato entro la fine dell’anno, per cui l’appalto potrebbe registrarsi nei primi mesi del 2010. Soddisfazione viene espressa dall’assessore all’ecologia Tiziana Serra: «Abbiamo raggiunto l’obiettivo che mi ero prefissata fin dal mio insediamento. Le difficoltà da superare – dice la Serra – sono state tante, ma alla fine ce l’abbiamo fatta». Ma perché è stato necessario tutto questo tempo per sbloccare la situazione?

«Non è dipeso solo da noi – prosegue l’assessore – perché la vicenda del bando di gara integrato con l’Ato ambiente, unico organo deputato in via ufficiale a tale scopo, nel nostro caso è proseguito di pari passo con l’annosa vicenda della graduatoria preesistente per la gestione del servizio di raccolta dei rifiuti da parte della ditta modicana «Puccia», ultima classificata in graduatoria». La «Puccia» avrebbe dovuto rilevare la gestione del servizio dalla «Busso».

Ciò non è stato possibile in quanto la ditta modicana non presenterebbe i requisiti minimi richiesti. Un ricorso è stato inoltrato dal titolare, ma lo sblocco della vicenda parallela del bando integrato spazza via parecchie ombre sul futuro del servizio. «Siamo i primi in provincia e porre in essere questo bando europeo – aggiunge la Serra – e sarà Vittoria l’altro comune ibleo che ci seguirà a ruota, una volta chiarita la vicenda con l’azienda municipalizzata Amiu».

Tiziana Serra, che è anche avvocato, ha sempre premuto sull’acceleratore per addivenire in tempi rapidi all’espletamento del bando integrato, al fine da sgomberare il campo da dubbi o altri intoppi. «Per legge non deve essere il comune a procedere con il bando – prosegue l’assessore – ma l’Ato Ambiente, organo gestionale a livello provinciale.

Al comune spetta l’onere di 40 milioni di euro, che porterà comunque effetti benefici per quanto riguarda la funzionalità e l’efficienza del servizio di raccolta dei rifiuti, con il definitivo potenziamento della raccolta differenziata, che, nella prima fase, dovrebbe raggiungere quota 40%. Ritengo – conclude la Serra – che ci troviamo dinanzi ad un punto di svolta che risolverà tutte le problematiche». E’ ipotizzabile che i cittadini possano altresì contare su un «alleggerimento» del costo della tassa sulla spazzatura, che, negli ultimi due anni, è diventata a Modica la più cara della provincia. Una circostanza che, in tempi di crisi, ha acuito il malumore dei contribuenti.