Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 949
MODICA - 16/09/2009
Attualità - Modica: l’Ascom non ha ancora affrontato il problema

Modica: centro commerciale naturale, quale futuro?

Giorgio Iabichella, segretario provinciale sindacato autonomo Isa: "Registriamo una disorganizzazione caotica"

L’istituzione di un centro commerciale naturale non è all’ordine del giorno. L’Ascom non ha ancora affrontato il problema, i commercianti non si muovono e l’amministrazione va a rimorchio. Il progetto di un centro commerciale naturale come previsto dalla legge regionale 9 di quest’anno è uno strumento per attivare finanziamenti, per creare un consorzio, per dotarsi di servizi e strutture al passo con i tempi, per avere strategie di marketing ed organizzative comuni e condivise.

«Una discussione è stata avviata a suo tempo – dice Peppe Barone, componente del direttivo dell’Associazione Commercianti – Non siamo andati avanti per disinteresse ed anche per mancanza di stimoli». La richiesta di istituire un centro commerciale naturale deve essere presentata entro il 31 del prossimo mese ma non ci sono i presupposti anche se il centro storico della città avrebbe tutti i requisiti per proporsi. I negozi del polo commerciale per quanto li riguarda non hanno nessun interesse avendo già creato una struttura autonoma. Da questo punto di vista i negozi consorziati del polo sono stati antesignani anticipando i tempi.

Forse è per questo motivo all’interno dell’Ascom, dove i rappresentanti emanazione di aziende del polo commerciale sono in maggioranza, la questione non è stata portata fino in fondo. «Registriamo una disorganizzazione caotica – dice Giorgio Iabichella del sindacato autonomo Isa - Il delegato provinciale della Confcommercio non ci ha neppure considerato, risposte esitanti abbiano avuto da Ascom ed amministrazione ed i commercianti stanno a guardare, eppure ci sarebbero fondi consistenti per i finanziamenti». E’ il percorso che è stato avviato a Comiso, Vittoria e Ragusa ma che trovato solo distacco tra le aziende presenti nel centro storico della città.