Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 465
MODICA - 16/09/2007
Attualità - Punto di partenza della Cittadella dello shopping

"La Fortezza": il colosso
commerciale del 2009

La strategia innovativa punta alla leadership Foto Corrierediragusa.it

Una mastodontica cittadella commerciale saluterà l’arrivo del 2012. La ex statale 115 diventerà la strada dallo shopping. Un boulevard che ingloberà i negozi già esistenti e quelli futuri in un unicum di grande impatto visivo.

La riqualificazione dell’arteria, che diventerà punto nevralgico di un’intera città, sarà preceduto dalla realizzazione, da qui ai prossimi mesi, di un nuovo centro commerciale, di cui già dal nome è possibile intuirne l’imponenza: «La fortezza». Il nuovo complesso sorgerà a poche centinaia di metri dalla zona artigianale di Michelica, con cui condividerà la rotatoria strategica che sarà realizzata nei primi mesi del 2008.

Gli atti sono già stati trasmessi al presidente del consiglio comunale Enzo Scarso. Dopo l’approvazione in variante al piano regolatore generale della civica assise, per mutare da agricola in commerciale la destinazione dei terreni, il progetto sarà discusso a Palermo, nell’ambito di una conferenza di servizio dalla quale salterà fuori il parere vincolante.

Il progetto del nuovo centro commerciale «La fortezza» è stato presentato dal «Consorzio centro commerciale»,composto da alcune società locali che, con buona probabilità, sarebbero collegate, attraverso il collaudato metodo delle scatole cinesi, ad una grossa multinazionale di cui non si conosce al momento il nome.

Il nuovo colosso fornirà lavoro a 250 persone tra staff organizzativo, capi reparto e commessi. Una boccata d’ossigeno per l’indotto. Ancora incalcolabile, ovviamente, il ritorno in termini economici che ne trarrà il territorio. Il progetto, nella sua globalità, è piuttosto ambizioso: il costo del solo centro commerciale ammonta a circa 50milioni di euro, senza contare la realizzazione delle opere accessorie, quali la rotatoria, e le altre scaturenti dalla riqualificazione delle ex statale 115, che ingloberà anche «La fortezza». La sua estensione è di 70mila metri quadrati, 20mila dei quali coperti. L’edificio sarà composto da due piani che ospiteranno 59 negozi grandi, medi e piccoli. I lavori dovrebbero cominciare subito dopo la realizzazione della rotatoria, che favorirà anche la vicina zona artigianale.

L’opera sarà completata in un anno e «La fortezza», salvo imprevisti, diventerà una realtà nei primi mesi del 2009. L’arrivo del nuovo complesso non viene visto come una minaccia dalla vicina area commerciale, anzi. Il progetto complessivo già da tempo redatto e che sarà realizzato non appena saranno resi disponibili i fondi, prevede proprio l’allargamento dello spazio destinato allo shopping, per dare luogo ad un’avveniristica cittadella commerciale dotata di tutti i comfort: marciapiedi illuminati, aree a verde, bambinopoli e luoghi di ristoro tra un centro commerciale e l’altro, raggiungibili anche con il servizio di bus navetta.

Saranno i vari imprenditori a concordare le iniziative comuni da concretizzare a loro spese, in aggiunta al lavoro di riqualificazione dell’arteria. E’ questa la risposta concreta che Modica si appresta a fornire a Ragusa, dove la grande distribuzione ha radici più profonde. La carta vincente della cittadella commerciale modicana sarà data dall’insieme di servizi che offrirà ai visitatori, a differenza di quanto accade adesso nel comune capoluogo, dove i centri commerciali sono configurabili come della cattedrali nel deserto, perché ubicati nella zona più periferica della città, senza possibilità di altri svaghi o alternative per i clienti, costretti a muoversi in auto.

In uno scenario sempre più megalitico come quello che si prospetta da qui ai prossimi cinque anni, diventerà sempre più arduo sopravvivere per i piccoli negozi a conduzione familiare che affollano il centro storico. I più ottimisti azzardano solo una piccola diminuzione del volume d’affari, ma nulla più. Ma tutti sono consapevoli del fatto che il futuro del commercio su vasta scala a Modica ha, nell’area commerciale, il suo fulcro.