Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 840
MODICA - 08/09/2009
Attualità - Modica: si tratta di giudici di prima nomina

Insediati 4 nuovi uditori al tribunale di Modica

Hanno preso servizio Maria Rabini, Elio Manenti, Francesco Chiavegatti e Mario Fiorentino. Il loro arrivo si attendeva da oltre un anno e mezzo

Quattro nuovi uditori per il tribunale di Modica. Si tratta di magistrati di prima nomina, tutti di giovane età, assegnati nelle varie sedi giudiziarie. Nel corso della sobria cerimonia di ieri mattina nel palazzo di giustizia di via Aldo Moro, si sono insediati dinanzi al presidente del tribunale Giuseppe Tamburini, con a latere i giudici Sandra Levanti e Maurizio Rubino, gli uditori Maria Rabini, Elio Manenti, Francesco Chiavegatti e Mario Fiorentino. Il loro arrivo si attendeva da oltre un anno e mezzo, al fine di coprire la scopertura d’organico del 40%.

Con l’arrivo degli uditori giudiziari, il carico di lavoro dovrebbe adesso essere smaltito con maggiore celerità. L’elevato numero di processi penali e civili, e quelli di competenza dei giudici di pace, erano gestiti dai sei magistrati in organico: i già citati Tamburini, Levanti e Rubino, e i giudici Giovanna Scibilia, Patricia Di Marco e Lucia De Bernardinis. Era stato il già presidente Aurelio Catra, prima del pensionamento, ad ottenere la pubblicazione dei posti, che non erano stati coperti per l’assenza di domande, dovuta agli ultimi concorsi in cui erano stati nominati meno uditori, che fanno capo alla Corte d’Appello di Catania.

Solo il tribunale di Ragusa si era visto assegnare, circa un anno e mezzo fa, una nuova unità, su un totale di 84 posti in tutta Italia tra Corte d’Appello, Procure e, per l’appunto, Tribunali, con l’assegnazione di 26 posti. Tutto questo a causa della carenza d’organico della Magistratura. Adesso pare si stia cominciando a registrare una timida inversione di tendenza, come dimostrato dalla copertura dei quattro posti vacanti da parte di altrettanti uditori giudiziari nel tribunale di Modica.

Anche la Procura, al momento, naviga in acque più che tranquille, potendo addirittura contare, per tutta la settimana, su organico «virtuale» sovradimensionato. L’organico è composto dal nuovo procuratore capo Francesco Pulejo, insediatosi giovedì scorso, e dai tre sostituti procuratori togati Domenico Platania (ex procuratore capo), Gaetano Scollo e Maria Mocciaro. Ma proprio quest’ultima partirà tra qualche giorno per la nuova destinazione di Bergamo.

Platania andrà invece in pensione al rientro dalle ferie. Resterà quindi in servizio solo Scollo, e si ripresenterà di conseguenza di nuovo il problema della scopertura in organico del 50%, visto che i sostituti procuratori togati dovrebbero essere due. Il carico di lavoro viene comunque smaltito in maniera egregia dai vice procuratori onorari, e quindi non togati, Veronica Di Grandi e Diana Iemmolo.