Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 820
MODICA - 26/08/2009
Attualità - Modica: ha chiuso i battenti dopo 6 settimane di attività a Marina

Bilancio positivo per il Villaggio creativo

L’idea è nata per dare un luogo fisico alla creatività ed ospitare allo stesso tempo eventi culturali, incontri e momenti di aggregazione

Ha chiuso dopo sei settimane di attività il villaggio creativo a Marina di Modica. Domenica è stata festa per tutta la serata con famiglie e bambini che hanno affollato i vialetti della parte terminale del lungomare Mediterraneo, dove sono stati allestiti ogni fine settimana aree e ritrovi per il pubblico.

L’idea è nata per dare un luogo fisico alla creatività ed ospitare allo stesso tempo eventi culturali, incontri e momenti di aggregazione. I risultati sono andati al di là di ogni aspettativa delle organizzatrici Tiziana Spadaro e Nausica Zocco visto che le presenze nelle sei settimane di attività sono andate oltre le quattromila persone. Il sabato è stato dedicato ai laboratori teatrali e creativi dedicati ai bambini ed ai portatori di handicap che hanno seguito il lavoro e le attività preparate da un gruppo di cinque animatrici. Momenti qualificanti per il pubblico più adulto sono stati gli incontri a tema del sabato sera con associazioni e testimoni del nostro tempo.

Tra questi quello con Bruno Ficili, il più seguito, con l’associazione Pro Padre Casiraro, con il circolo culturale quasimodiano, con l’associazione veterinari di Ragusa per la conoscenza e la valorizzazione della razza bovina modicana, con i cantastorie ed i poeti dialettali del comprensorio. Particolare successo hanno poi registrato il gruppo «Energia e simpatia» di Scicli formato da adulti e pensionati che presentano e rivisitano canti tradizionali, danze e poesie del folklore locale.

«L’esperienza – dice Tiziana Spadaro - è servita a dimostrare che si può fare intrattenimento e cultura anche con pochi mezzi, affidandosi a professionalità ed intelligenze locali. I nostri sono state attività per tutte le età, il pubblico ha gradito e come associazione abbiamo avuto l’occasione di valorizzare una parte di Marina di Modica dimenticata e quasi lasciata in abbandono». Il villaggio creativo insomma ha fatto centro con il giusto mix di spettacolo, cultura e gioco.

(Nella foto da sx Tiziana Spadaro, Bruno Ficili e Nausica Zocco)