Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1092
MODICA - 07/08/2009
Attualità - Sampieri: rischia di scomparire l’«Ocypodde cursor»

Sampieri: il granchio fantasma odia gli ombrelloni

Alessandro Cavallo, residente nella frazione marinara, socio di associazioni naturalistiche, lancia l’allarme ed ha interessato l’assessore regionale al territorio ed ambiente, la capitaneria di porto, il sindaco di Scicli
Foto CorrierediRagusa.it

Al granchio fantasma (nella foto) non piacciono gli ombrelloni e le sedie a sdraio. Rischia di scomparire l’unica colonia presente in Italia di «Ocypodde cursor», questo il nome scientifico del granchio, che vive sulla sabbia e sulle dune della spiaggia di Sampieri. Alessandro Cavallo, residente nella frazione marinara, socio di associazioni naturalistiche, lancia l’allarme ed ha interessato l’assessore regionale al territorio ed ambiente, la capitaneria di porto, il sindaco di Scicli.

"Il granchio fantasma" è un crostaceo piuttosto particolare – dice Cavallo - perchè preferisce vivere nella sabbia delle dune anziché in acqua. Questa specie probabilmente passa i mesi più freddi dell’anno in una sorta di «letargo» sotto la sabbia ed è visibile nel periodo che va da giugno a ottobre con un picco dell’attività da metà luglio a fine agosto. Attività, compresa quella riproduttiva, che però non va in contrasto con la «normale» fruizione dell’arenile da parte dei bagnanti, poiché l’Ocypode cursor è di abitudini prevalentemente notturne e comunque preferisce quella zona della spiaggia limitrofa alle dune che è poco frequentata e quasi mai occupata con ombrelloni.

Il granchio fantasma è quindi una importante presenza con la quale è possibile convivere e della quale il «territorio» può e deve andare orgoglioso. L’Ocypode cursor infatti è una specie piuttosto rara per la quale, in base alle notizie attualmente disponibili, non è azzardato pensare che sia presente solo a Sampieri; per la sua presenza nel territorio nazionale esiste solo una segnalazione di parecchi anni fa nell’isola di Lampedusa.» La colonia di granchi fantasma deve essere dunque protetta essendo inclusa nel protocollo della convenzione di Berna e di Barcellona con le quali l’Italia si è impegnata a proteggere il proprio territorio e patrimonio.

Sulla spiaggia di Sampieri oggi non si notano più granchi fantasma a causa del proliferare di chalet che vengono impiantati con sdraio ed ombrelloni sin dall’inizio della stagione balneare e fino a tutto settembre. Si è insomma iniziata una lenta ma graduale trasformazione dell’habitat e nel corso dei prossimi anni, con i progetti di espansione delle strutture ricettive al servizio dei bagnanti, si compromette la sopravvivenza della colonia di Ocypodde cursor. « I responsabili valutino attentamente la concessione di nuove aree sulla spiaggia o anche l’ampliamento delle esistenti per scongiurare un grave danno al patrimonio ambientale e culturale « denuncia Alessandro Cavallo.