Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 668
MODICA - 04/08/2009
Attualità - Modica: un servizio che non funziona , o perlomeno non soddisfa

Modica: per Nigro la raccolta dei rifiuti proprio non va

Il capogruppo consiliare Udc si chide: "Possiamo ancora dire che Modica sia oggi una città pulita"?
Foto CorrierediRagusa.it

E’ un servizio che non funziona , o perlomeno non soddisfa. Sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani e sulla differenziata l’Udc dà battaglia in consiglio comunale. «Possiamo ancora dire - denuncia Paolo Nigro (nella foto)- che Modica sia oggi una città pulita? Abbiamo i nostri dubbi anche alla luce delle risposte evasive ed insufficienti dell’assessore Tiziana Serra».

Il dibattito in consiglio comunale sulla questione rifiuti è stato aperto dal capogruppo Udc alla luce del fatto che la raccolta va a rilento e l’avvio della differenziata ancora si protrae nel tempo seppur annunciata da almeno sei mesi a questa parte. L’assessore Serra addossa la responsabilità all’Ato perché deve essere il consorzio a bandire la gara ma è da mesi ormai che il servizio non viene attivato mentre i contenitori di carta, vetro e materiale ferroso sono stracolmi perché l’impresa che gestisce il servizio ha tempi lunghi per il ritiro e la pulizia dei cassonetti.

Il problema rifiuti si è inoltre acuito negli ultimi tempi per l’annunciato subentro della ditta Puccia al posto della ditta Busso ma che non è stato ancora concretizzato. «L’assessore Serra e lo stesso sindaco- rileva il capogruppo Udc- avrebbero potuto chiedere la collaborazione anche delle opposizioni per premere sui soggetti, Ato,amministrazione provinciale, Multiservizi,che a detta dell’assessore non riescono a garantire tempi certi o sono responsabili di omissioni. La verità è che l’assessore ha stilato un programma di interventi ed ha ammesso candidamente che questo è in ritardo su tutti i fronti».