Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 605
MODICA - 22/07/2009
Attualità - Il barocco ibleo protagonista del magazine edito in Gran Bretagna

Ragusa, Modica e Scicli protagoniste di "The Week"

L’articolo è tratto da Condè Nast Traveller, il cui reporter,Lee Marshall, resta incantato da «città storiche, paesaggio mozzafiato e cucina superba»

Le città barocche della Sicilia meridionale approdano su «The Week». Il magazine edito in Gran Bretagna raccoglie il meglio degli articoli della settimana apparsi sui media nazionali britannici e si rivolge soprattutto ad un target medio alto di lettori. Nella sezione Leisure, insieme alla Tailandia, Creta e Rodi il settimanale britannico titola « Il sogno della settimana» riferendosi in particolare a Ragusa, Modica e Scicli con una fotografia della chiesa barocca di S. Giorgio a Modica.

L’articolo è tratto da Condè Nast Traveller, il cui reporter,Lee Marshall, resta incantato da «città storiche, paesaggio mozzafiato e cucina superba». Per il giornalista la gente iblea è alla mano e semplice e non ha mai decantato le proprie bellezze forse per la paura di essere vittime del turismo ma per gli inglesi ora la provincia di Ragusa si avvia a diventare «La Toscana del sud». L’articolista riporta poi notizie storiche sul terremoto e sulla nascita delle città e fa riferimento al territorio «ricca e a vocazione agricola».

Ragusa è «un susseguirsi di case, cupole e torri» mentre Modica è invece una «cascata impressionante di case e chiese illuminate dal sole», i cui molti ristoranti, una volta familiari, si sono invece oggi posti su una fascia alta di mercato. Scicli è «charming», appare al giornalista come la versione in scala minore di Modica e si trova al centro « di un paesaggio selvaggio e ventilato».