Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 544
MODICA - 18/07/2009
Attualità - Modica: proficuo vertice tra amministrazione e Cna

Si farà la nuova area artigianale di Modica Alta

Messe da parte le polemiche per l’esclusione dai finanziamenti regionali. Buscema: "Basta attacchi alla mia giunta" Foto Corrierediragusa.it

L’area artigianale di Modica Alta si farà. La comune volontà di procedere in questo senso è emersa nel corso dell’incontro svoltosi a palazzo San Domenico tra il sindaco Antonello Buscema, l’assessore allo sviluppo economico Peppe Sammito, la Cna, rappresentata dal segretario provinciale Giovanni Brancati, dal presidente e dal segretario della sezione di Modica, rispettivamente Piero Bonomo e Carmelo Caccamo, e Giuseppe Boscarino, presidente di ArtGest, l’organismo che si occupa della zona artigianale. Contestualmente alla realizzazione della nuova area, sarà ampliata quella esistente di contrada Michelica. Si renderanno necessarie due varianti al piano regolatore generale, con l’obiettivo di moltiplicare, come previsto dai bandi di finanziamento della Regione per le zone D in caso di cofinanziamento dell’ente, il milione e mezzo di euro dei fondi ex Insicem.

Nel corso della riunione sono stati affrontati anche altri temi: la cessione del credito a quelle aziende artigianali che vantano un credito nei confronti dell’ente, e le modalità di gestione dell’area artigianale da parte di ArtGest. Sul primo argomento, l’amministrazione fornirà al più presto alla Cna una dettagliata relazione tecnica con la quale saranno illustrate le procedure per concretizzare la cessione del credito attraverso un accordo con gli istituti bancari della città (pendenze superiori a 5 mila euro e libere da contenzioso), con l’intento di impegnare 3 milioni di euro su base annua per un triennio, allo scopo di definire le partite esistenti. Per quanto riguarda ArtGest, di cui l’ente detiene la maggioranza azionaria, sono state versate proprio dal comune le quote sociali di pertinenza a valere per 8 mila euro.

L’ente si è impegnato, dopo l’approvazione in consiglio comunale del regolamento, a versare in un conto vincolato con destinazione esclusiva la società di gestione, gli introiti dei canoni corrisposti dagli artigiani insediati. Somme utili a garantire una serena gestione dell’area. Va invece definita con un contratto di comodato d’uso l’attività del Centro Servizi, inaugurato di recente. Inevitabile poi un cenno alle polemiche di questi giorni, scaturite dall’esclusione di Modica dai finanziamenti regionali per la realizzazione e l’incremento delle zone artigianali.

«Al di là dell’ingiustificabile ritardo nei tempi di presentazione del progetto – dichiara Brancati – abbiamo accertato ufficialmente che l’elaborato verteva sulla richiesta di finanziamento della strada di collegamento con il nuovo mattatoio comunale, allogato all’interno dell’area artigianale. Tale elaborato non avrebbe avuto nessuna possibilità d’essere finanziato, in quanto la tipologia d’intervento non era prevista nel decreto emanato dalla Regione. E’ necessario invece – conclude Brancati – che l’ente si doti per tempo di tutti quegli strumenti di programmazione necessari, per primi quelli di natura urbanistica, per avviare un ampliamento della zona esistente e crearne una nuova a Modica Alta.» Sulla vicenda interviene anche il sindaco Antonello Buscema: «Ho atteso il confronto con la Cna prima di esprimermi sull’accaduto.

Il progetto inoltrato alla Regione non era affatto impeccabile, ma era l’unico che abbiamo ricevuto in eredità dalla precedente amministrazione. Un tentativo, seppur disperato, andava comunque fatto. Anche se le probabilità di finanziamento erano pressoché nulle, tutto è stato comunque vanificato dalla presentazione del progetto fuori tempo massimo. Sotto questo aspetto, accerteremo le eventuali responsabilità di terzi. Ma – conclude Buscema – ritengo fuori luogo gli attacchi alla mia giunta e, mi pare scontato precisarlo, Sammito resta al suo posto».

(Nella foto un momento del vertice a palazzo San Domenico tra amministrazione e Cna)