Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1551
MODICA - 09/07/2009
Attualità - Modica: nel mezzogiorno c’è anche Procida secondo il rapporto BitLab

Modica "la desiderabile" votata da 100 testate di 12 paesi

E’ la vittoria anche del sistema val di Noto che offre barocco ed arte da un lato, campagna e mare dall’altro

Cento testate giornalistiche di dodici paesi eleggono Modica ed il val di Noto tra le mete più desiderabili. Nel mezzogiorno c’è anche Procida secondo il rapporto BitLab che ha chiesto a giornalisti di dodici nazioni quali siano i luoghi che coniugano al meglio eccellenza storico artistica e paesaggio. Per la città è un ulteriore riconoscimento dopo la pagina dedicata dal Financial Times ad enogastronomia, siti, accoglienza, stile di vita.

E’ la vittoria anche del sistema val di Noto che offre barocco ed arte da un lato, campagna e mare dall’altro. « Modica ed il Val di Noto- dice Paolo Di Stefano- sono tra le nuove mete italiane insieme a città come Assisi,Norcia, Città di Castello e Stresa, Abano ed Aquileia. «E’ un trend che verifichiamo da tempo- dice un operatore turistico della città- La città è apprezzata forse più dagli stranieri che dagli italiani. L’associazione PassoSud est che abbiamo costituito vuole mettere a sistema questi riconoscimenti che vengono da tutte le parti ed intercettare il turismo di qualità. In qualche albergo per esempio si intrattengono gli ospiti insegnando loro la manifattura degli arancini e del cioccolatto. Non solo barocco dunque ma anche gastronomia».

Sono soddisfatte anche le operatrici della cooperativa Etnos che curano vari progetti escursionistici «Notiamo una certa ripresa –dice Viviana Pitino- I gruppi sono tornati e ci chiedono non solo le chiese ma anche i vivere la città. E’ per questo motivo che li portiamo in giro per i quartieri, Cartellone, il Castello, Modica Alta, anche solo per passeggiare tra viuzze e vicoli».

La cabina di regia per il turismo voluta dall’amministrazione si è messa al lavoro da qualche mese e collabora con l’amministrazione « E’ una intuizione che abbiamo avuto- dice l’assessore al turismo Enzo Scarso- E’ un organismo che va rodato ma quello che mi preme dire è che serve la sinergia tra le varie istituzioni per un turismo di qualità. Noi ci proviamo, pr questa estate abbiamo pensato ad un cartellone pensato per il turista e non per i locali, Ciocobarocco ci ha dato ragione con presenze qualificate rispetto al passato. Questo riconoscimento di BitLab ci dà ulteriori responsabilità, dobbiamo fare ancora meglio».

E’ sulla tutela del paesaggio che insistono tecnici ed ambientalisti visto che non emerge ancora una sensibilità spiccata verso questi temi. L’attacco cementizio alle colline, l’invasione della campagna con villette a schiera, l’estensione a dismisura della città sono i temi su cui lo sviluppo turistico della città si deve misurare. «C’è da investire anche sul patrimonio pubblico e privato- dice un architetto che si occupa di recupero di immobili- Il centro storico offre un impatto affascinante ma se si va a guardare nel dettaglio molte sono le case che devono essere recuperate da tutti i punti di vista. Ibla ha avuto la sua legge ma per Modica siamo al palo e servono tante risorse. La tutela e la riqualificazione del centro storico sono elementi essenziali».