Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 764
MODICA - 03/08/2009
Attualità - Modica: la nuova commissione fissa non è stata gradita dai clienti

Caso scopertura alla Bapr, paghi anche se non la usi

Costi fino a 100 euro l’anno. Anche per il cosiddetto «sconfinamento», vale a dire quando il conto corrente risulta scoperto anche di poche euro, si pagano 7 euro e 50

Il correntista non usufruisce della scopertura accordata dall’istituto di credito? Paga lo stesso una commissione fissa addebitata ogni tre mesi sul conto corrente. E’ la scelta operata da qualche settimana dalla «Banca Agricola Popolare di Ragusa», che sta facendo montare su tutte le furie migliaia di clienti. Perlomeno, quelli che se ne sono accorti. L’istituto di credito ha difatti comunicato questa decisione tramite una missiva recapitata al domicilio dei clienti, a seguito della soppressione della commissione di massimo scoperto, che, a differenza di quella nuova, veniva pagata solo se il correntista fruiva del fido accordato.

La proposta di modifica unilaterale del contratto da parte della Bapr si intende tacitamente accettata se, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione, il cliente non comunichi all’istituto di credito di rinunciare alla scopertura. Accade però che centinaia di utenti «distratti» non si siano accorti della novità.

Oltre il 70% della clientela della Bapr non potrà peraltro rinunciare alla concessione del fido, in quanto si tratta in primis dei dipendenti comunali e delle cooperative sociali, che, come noto, ricevono le spettanze dal comune solo quando l’ente dispone della liquidità.

Ecco perché le proteste montano copiose ogni giorno che passa, in quanto gli utenti vedono questa scelta operata dalla banca come una nuova tassa, e neanche troppo leggera. Difatti, per un fido accordato di 10mila euro, si pagano 25 euro a trimestre, per un totale di 100 euro annue, anche se il fido in effetti utilizzato è pari a zero. Dalla banca si giustificano asserendo che «la nuova commissione, dopo la soppressione di quella vecchia, va intesa come una remunerazione accordata all’istituto di credito per la messa a disposizione di fondi a favore del correntista, indipendentemente dall’effettivo prelevamento delle somme».

Anche per il cosiddetto «sconfinamento», vale a dire quando il conto corrente risulta scoperto anche di poche euro, si paga una somma pari a 7 euro e 50 centesimi. Una batosta che colpisce anche i pensionati.