Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1315
MODICA - 04/07/2009
Attualità - Modica: il primo confronto aperto con la città

Filo diretto giunta-cittadini, i problemi di Marina di Modica

Sull’incontro dell’Auditorium è tuttavia critico Sebastiano Failla, vicepresidente del consiglio provinciale, che boccia su tutti i fronti sindaco e assessori

Parte da Marina di Modica il confronto aperto con la città. L’amministrazione ha incontrato infatti all’auditorium Mediterraneo una rappresentanza di residenti per illustrare le iniziative intraprese e i progetti per l’avvio dell’estate. Sull’incontro dell’Auditorium è tuttavia critico Sebastiano Failla, vicepresidente del consiglio provinciale, che boccia su tutti i fronti sindaco e giunta e parla a chiare lettere di incontro fallimentare vista la scarsa presenza di cittadini.

Dalla discussione emersa con gli assessori e con il sindaco a Marina di Modica c’è un problema della perdita dell’acqua dalla condotta idrica che impedisce il regolare approviggionamento della frazione. Spiaggia ancora in buona parte invasa dalle alghe che, sostiene l’assessore alla ecologia, non possono essere rimosse senza una specifica autorizzazione. Scerbatura avviata lungo il parco costiero e nelle strade ma i cittadini lamentano un problema illuminazione pubblica a cominciare da piazza Medietteraneo, cuore della frazione, dove molti sono le lampade non funzionanti.

Ancora irrisolta la questione di via del laghetto visto che l’appalto per l’allargamento della strada non è andato a buon fine. « L’amministrazione fa solo promesse –dice Sebastiano Failla- Bisognerebbe per esempio sfruttare il bene vento che soffia sulla spiaggia di Marina diventata un paradiso per i surfisti. Serve l’allargamento del porto ma nulla è stato fatto». Altro caso sollevato dai residenti è quello, mai risolto, della presenza di ambulanti al lungomare. La mancanza di servizi igienici e l’affollamento delle bancarelle crea problemi ai residenti e soprattutto alle case che si affacciano sul lungomare.