Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1175
MODICA - 10/06/2009
Attualità - Modica: c’è il presidente di Trenitalia Innocenzo Cipolletta alla prima corsa

Maratonarte fa tappa a Modica, un treno - museo per stupire

Da domenica prossima e fino al 27 settembre la corsa domenicale sarà riservata a turisti e comitive che vorranno visitare il val di Noto
Foto CorrierediRagusa.it

C’è il presidente di Trenitalia, Innocenzo Cipolletta, alla prima corsa della carrozza cento porte di Maratonarte. Il treno museo, una locomotiva diesel e due carrozze d’epoca da 156 posti in tutto, parte dalla stazione di Siracusa, si è fermato a Noto ed ha concluso la sua corsa a Modica da dove alle 15 è ripartito alla volta del capoluogo aretuseo. La corsa inaugurale ha visto la presenza di sindaci, autorità, parlamentari e la partecipazione di un centinaio di funzionari di Trenitalia e di operatori turistici.

Da domenica prossima e fino al 27 settembre la corsa domenicale sarà riservata a turisti e comitive che vorranno visitare il val di Noto. La partenza sarà alle 8.30 da Siracusa e le fermate previste, tutte di due ore, a Noto, Modica e Ragusa con ritorno a Siracusa alle 19.25. Viaggio e visite saranno gratuite e saranno completate dall’assistenza delle guide turistiche nei tre centri barocchi. Il treno di Maratonarte è stato salutato dal gran caldo per la sua «prima»; gli ospiti hanno concluso la giornata con un lunch sul belvedere della collina dell’Idria. « E’ una iniziativa che vogliamo portare avanti come azienda –dice il presidente Cipolletta- E’ una opportunità per il territorio ed una occasione culturale». Poi la visita alle chiese di S. Giorgio e S. Pietro prima di iniziare il viaggio di ritorno.

(Nella foto da sx l’addetto stampa di Trenitalia, Enzo Scarso, Innocenzo Cipolletta e Antonello Buscema)