Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 610
MODICA - 29/05/2009
Attualità - Sul viadotto e lungo la Ss115 ancora lavori di scerbatura

A Modica code infinite, traffico da incubo, lavori lenti

Dalla prossima settimana il via alla pavimentazione e altri ritardi in vista
Foto CorrierediRagusa.it

Le code non finiscono mai. Sul viadotto Guerrieri è intasamento totale. Bisogna mettere in conto almeno mezzora per percorrere il chilometro 3 300 metri che portano allo svincolo per Ragusa.

L’anello della circonvallazione che va dallo svincolo del S. Cuore al bivio per Modica Alta sono diventati un incubo per i lavori di scerbatura. Oggi a mezzogiorno l’impresa incaricata chiuderà il cantiere dopo tre giorni ma anche la prossima settimana si annuncia difficile. E’ stato il compartimento Anas di Catania a prevedere i lavori ed affidandoli ad una impresa che nel silenzio assoluto ha dato il via all’operazione pulizia. Questa ha riguardato in particolare non solo la scerbatura dei cigli ma anche quella delle pareti rocciose sovrastanti la strada per cui l’impresa ha dovuto utilizzare mezzi speciali per consentire agli operai di lavorare.

Questo tipo di intervento ha comportato l’incolonnamento del traffico su una corsia con circolazione a senso unico alternato. Così si spiegano le code che per tutti i due giorni hanno caratterizzato la giornata dei modicani e di quanti hanno attraversato la provincia nei due sensi di marcia. Sindaco e comando dei vigili urbani non sono stati avvertiti per tempo dell’avvio dei lavori e nessun servizio di regolamentazione del traffico è stato dunque predisposto.

Se per la scerbatura si chiude dunque oggi ancora più gravi si annunciano i disagi da mercoledì prossimo per quanti devono transitare lungo il viadotto Guerrieri. L’Anas ha infatti programmato un intervento di rifacimento del manto stradale nel tratto in questione viste le precarie condizioni della strada. Da mercoledì a venerdì i mezzi dell’Anas procederanno alla scarificazione prima e alla stesura del tappetino di asfalto dopo; anche in questo caso la circolazione sarà a senso unico alternato visto che non è possibile chiudere l’arteria.

Il comando dei vigili urbani consiglia ai mezzi pesanti in particolare di utilizzare la litoranea quale alternativa all’attraversamento della città. Non avranno invece alternative i residenti in città a meno di imbottigliarsi nel centro storico con altri disagi. « Anche in questo caso dobbiamo procedere –dice l´assessore Giorgio Cerruto – Speriamo solo di mantenere al minimo i disagi». Per quanto riguarda invece la viabilità interna l’assessore ai Ll.Pp. ha buone notizie « Entro un mese chiuderemo i due cantieri di via Risorgimento. Sia i lavori di allaccio alla rete idrica sia quelli di allargamento dell’arteria sono in fase di completamento. Subito dopo procederemo con la ripavimentazione".

Entro giugno dunque la via Risorgimento dovrebbe ritornare ad essere percorribile nei due sensi e più sicura. L’amministrazione è alle prese con un progetto di pavimentazione delle strade urbane più bisognose di intervento ma, nonostante il sindaco lo abbia annunciato, nessun atto concreto è stato finora formalizzato né nessun impegno di spesa assunto. L’unico dato certo per gli automobilisti sono disagi e code che contraddistinguono e segnano i vari momenti della giornata.

(Nella foto: le code sul viadotto della Caitina nel pomeriggio di ieri)