Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 731
MODICA - 29/05/2009
Attualità - Modica: prestigiosi risultati per 8 studenti del "Campailla"

Modica: i liceali del classico "esperti" in latino

Il preside Carpanzano: «La partecipazione ai Certamen fa parte dell’offerta formativa della scuola"
Foto CorrierediRagusa.it

Si fanno onore i liceali del «Campailla». Otto studenti frequentanti le classi del triennio hanno infatti partecipato a vari concorsi indetti per mettere alla prova le competenze acquisite nella lingua latina. Queste esperienze non sono state solo «certamen», ovvero gare di abilità linguistiche, ma occasioni per conoscere altre realtà scolastiche e coetanei provenienti da ogni parte d’Italia.

«La partecipazione ai Certamen – dice il dirigente scolastico Salvatore Carpanzano (nella foto con gli studenti) – fa parte dell’offerta formativa della scuola e sono sempre più scelti dai nostri studenti che vedono una occasione per misurarsi al di fuori del nostro contesto scolastico». Francesca Cannata della I B ha vinto nella categoria riservata alle prime classi liceali al Certamen Aetneum svoltosi presso il «Galilei» di Catania con una versione da Plinio il Vecchio corredata da un commento.

A questo stesso Certamen hanno anche partecipato, grazie alla guida di Ottavio Manenti, docente di materie classiche, Maria Concetta Causarano, Chiara Russo, Mirta Cavallo e Miriam Cannizzaro della I C. Terzo posto per Letizia Frasca della 2A al Certamen Peloritanum organizzato dal Classico « Maurolico» di Messina. L’alunna del Campailla, seguita dalla sua docente di Latino, Enza Sigona, si è piazzata al terzo posto nella categoria seniores. Giulia Messina, 3A, ha invece partecipato al « Certamen Ciceronianum» che si tiene ogni anno ad Arpino ed ha avuto una menzione di merito in un contesto di partecipanti provenienti anche dalla Germania e dai paesi nordeuropei. « La partecipazione a questi concorsi- dice il coordinatore del progetto Michele Blandino – vuole stimolare l’amore per le lingue classiche, è uno stimolo per cimentarsi nella traduzione e promuove le eccellenze».