Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1049
MODICA - 27/05/2009
Attualità - Modica: lettera aperta di due cittadini

Modica: piccoli teppisti seminano il terrore

Si pensa a costituire un comitato di quartiere del centro storico e ad avere un incontro con il sindaco per segnalare i problemi

Residenti in preda al terrore dei bulli che si aggirano per i vicoli. «In molti di noi – scrivono – sembra essere subentrata una forma di rassegnazione. Le Istituzioni sembrano assenti. Le alternative sono: cercare di sopravvivere sperando che quando qualcos’altro di brutto accadrà, non debba accadere proprio a noi; mollare tutto ed andarsene a vivere in qualche altra parte; cercare di reagire, evitando di isolarci e di cadere preda di esasperazione e depressione».

E’ questo il messaggio che hanno letto i residenti di numerosi quartieri del centro storico della città; una comunicazione a lezzo lettera imbucata porta a porta da due cittadini preoccupati per quanto succede soprattutto nelle ore notturne. L’arrivo della bella stagione ha complicato la vita di quanti risiedono soprattutto nelle zone adiacenti al corso Umberto. Gruppi di giovani sostano davanti agli ingressi delle case, consumano e bevono lasciando i resti delle loro improvvisate cene. Alcuni residenti lamentano d´incontrare difficoltà anche a potere accedere alle loro abitazioni ed in alcuni casi si sono scatenati veri e propri diverbi.

Non si tratta tuttavia solo di decoro e di pulizia perché si sono registrati anche atti di vandalismo spicciolo con rottura di vasi e di fioriere, danneggiamenti a portoni e facciate con l’uso di spray. I due estensori della lettera hanno chiesto a tutti di fare quadrato, di segnalare l’insorgere di comportamenti scorretti alle forze dell’ordine, di denunciare eventuali minacce ed atti di vandalismo. L’iniziativa intrapresa tende anche a costituire un comitato di quartiere del centro storico e ad avere un incontro con il sindaco per segnalare i problemi.