Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 629
MODICA - 27/05/2009
Attualità - Modica: ancora disagi nonostante i netturbini siano tornati al lavoro

Modica: raccolta di pattume a rilento e l´aria puzza

Il motivo sta nella distanza della discarica di Vittoria. I camion non ce la fanno a coprire la distanza più di due volte al giorno
Foto CorrierediRagusa.it

Operazioni a rilento nella raccolta dell’immondizia. Nonostante gli operatori ecologici siano ritornati nel pomeriggio di venerdì al lavoro, gran parte della città resta ancora con la spazzatura agli angoli delle strade e con i trespoli traboccanti. Il motivo sta nella distanza della discarica di Vittoria; i camion infatti non ce la fanno a coprire la distanza più di due volte al giorno perché l’impianto vittoriese chiude e l’immondizia non può essere smaltita nonostante il lavoro del personale. La quantità di pattume accumulatosi in soli quattro giorni comporterebbe viaggi straordinari, ma il numero dei camion messi a disposizione dalla «Busso» non è sufficiente.

Il gran caldo, inoltre, accelera la fermentazione dell’immondizia che arreca a residenti, passanti e commercianti, soprattutto nelle vie principali, olezzi insopportabili. Sulla questione immondizia è Nino Gerratana, consigliere di minoranza, a dire la sua alla luce dell’assegnazione dell’appalto ad una nuova impresa in forza della sentenza del Tar che ha annullato la gara precedente.
Gerratana sostiene che il nuovo appalto costerà 800mila euro in più con aggravio per le casse del comune per cui sarebbe necessario che l’Ato ed il comune battessero un’altra strada. Gerratana ha chiesto al sindaco di convincere l’Ato ad indire una nuova gara di appalto, a riferire in consiglio comunale su tutti i passaggi delle vicenda, a predisporre gli atti di una nuova gara nel caso l’Ato non accolga l’invito dell’amministrazione.