Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1180
MODICA - 17/05/2009
Attualità - Modica: i cittadini preoccupati per la loro incolumità non ottengono risposte

Modica: quartieri al buio per il contenzioso tra giunta e Enel

E’ il caso dei residenti della popolosa via Santa Sofia, alle spalle dell’omonima piazza in centro

I debiti maturati dal comune con l’Enel (4 milioni di euro dovranno essere pagati entro un mese, come deciso dal tribunale) lasciano al buio intere zone densamente abitate. I lampioni, le cui lampade si sono nel frattempo fulminate a causa dell’usura, non vengono difatti sostituite dal tecnici Enel, su specifiche direttive degli uffici centrali, che stanno sudando le famose sette camice per incassare quanto dovuto dall’ente. Ne fanno le spese i modicani, che, nelle ore notturne, incontrano non poche difficoltà a rincasare, a causa del buio pesto che caratterizza interi vicoli.

E’ il caso dei residenti della popolosa via Santa Sofia, alle spalle dell’omonima piazza in centro. Nonostante le numerose telefonate a palazzo San Domenico e alla stessa Enel, la risposta ai residenti non è cambiata: «per sostituire le lampade fulminate ci vogliono prima i soldi». Succede così che le stradine buie diventano meta preferita dei giovinastri che vi «bivaccano», finanche le porte d’ingresso delle case, intimorendo le persone più anziane. Senza contare il rischio microcriminalità: è cronaca recente l’aggressione di una persona anziana in viale Medaglie d’Oro (peraltro in pieno giorno) derubata della pensione poco prima ritirata all’ufficio postale.