Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1194
MODICA - 17/05/2009
Attualità - Modica: è il primo del genere in Sicilia

Modica: inaugurato il centro servizi della zona artigianale di Michelica

La struttura sarà gestita dalla Art.Gest. , la società pubblico privata di cui è presidente Piero Boscarino

Il centro servizi dell’area artigianale di Michelica è realtà. Mons. Antonio Staglianò ha tagliato il nastro della struttura che si sviluppa su due piani per mille metri quadrati di superficie interna. Il centro è nel cuore della zona artigianale e diventerà il cuore pulsante delle piccole e medie imprese.

Il centro servizi sarà gestito dalla Art.Gest. , la società pubblico privata, di cui è presidente Piero Boscarino ed amministratore delegato Nino Di Gregorio. Sono 28 le aziende che al momento sono insediate a Michelica con la presenza di 300 lavoratori; la società tuttavia ha chiesto al sindaco ed ai consiglieri comunali presenti di prevedere l’ampliamento della zona artigianale viste le numerose richieste di insediamento e le possibilità di espansione.

Il centro servizi, come ha rilevato Piero Boscarino, è il primo del genere in Sicilia all’interno di un’area artigianale ed offrirà consulenze, prestazioni e servizi, banca, ufficio postale, sportello comunale, per evitare alle aziende di spostarsi. Pippo Tumino , presidente della Camera di Commercio di Ragusa, ha rilevato come le piccole e medie imprese siano oggi il tessuto produttivo del paese e che sono in prima linea per contrastare la crisi economica. La provincia di Ragusa , ha ricordato Tumino, soffre meno i morsi della crisi grazie a questa presenza diffusa ed ai piccoli imprenditori.

Per Sergio Silvestrini, segretario nazionale della Cna, c’è vitalità in questa provincia e questo induce all’ottimismo mentre il vescovo ha ricordato a tutti che il lavoro non deve essere alienazione e solo ricerca del profitto. Occorre mettere l’uomo al centro, l’economia deve essere più solidale e dire no alla barbarie del profitto.