Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 622
MODICA - 31/10/2007
Attualità - Modica - Appello del presidente della Cna Piero Bonomo

Maggiore spazio
per la zona artigianale

"Gli interrogativi sul futuro dell’area di Michelica sono parecchi" Foto Corrierediragusa.it

« Chiediamo spazio per la zona artigianale di Michelica. Ci sono già tante richieste per insediamento di altre aziende e Michelica risulta già intasata. L’amministrazione ci dica cosa vuol fare della nuova zona artigianale che peraltro dovrebbe essere completata con maggiori servizi ed infrastrutture come la rotatoria di ingresso». Il presidente della Cna , Piero Bonomo, pone alcuni interrogativi sul futuro della zona artigianale di Michelica (nella foto) anche alla luce di alcuni progetti che , se realizzati, potrebbero incidere sullo sviluppo dell’intera area , soffocando la vocazione stessa di Michelica.

Non a caso tutti gli artigiani insediati stanno seguendo con particolare attenzione alcuni piani di lottizzazione che prossimamente saranno al vaglio del consiglio comunale. La Cna vuole mettere in guardia consiglieri ed amministrazione perché non ritiene che la lottizzazione per cui è stata richiesta la concessione possa giovare allo sviluppo di Michelica. Un’impresa catanese infatti ha previsto di realizzare su un’area adiacente la zona artigianale ben ottanta villetta a schiera per l’insediamento di ottanta nuclei familiari.

La richiesta di concessione deve ancora approdare in aula ma è al vaglio dell’assessore all’urbanistica e della commissione competente per il rilascio del parere. « Ottanta villette significano almeno 400 persone ? dice il presidente Piero Bonomo ? Una lottizzazione a ridosso della zona artigianale che dovrebbe usufruire della condotta idrica e fognaria di cui si servono ora gli artigiani e che è stata tarata solo per le esigenze di Michelica. Siamo preoccupati e vogliamo capire dove vuole andare l’amministrazione ed il consiglio».

Di fronte alla zona artigianale poi è stato anche autorizzato un mega centro commerciale per il quale i lavori sono stati già programmati; un ulteriore intasamento di Michelica che precluderebbe l’allargamento della zona artigianale ed un ulteriore intasamento della statale 115 dove confluirebbero aziende, residenti,clienti del centro commerciali con tutto quello che ne conviene.