Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 818
MODICA - 16/05/2009
Attualità - Modica: i residenti invocano maggiori controlli

Le proposte di Cavallino sul mercato di Modica Alta

Lamentati disagi alla viabilità e l’accumularsi di rifiuti in strada
Foto CorrierediRagusa.it

Il mercato rionale di viale Manzoni a Modica Alta continua a costituire l’incubo dei residenti. Da tempo gli interessati lamentano disagi alla viabilità e l’accumularsi di rifiuti in strada alla chiusura del mercato. Del malcontento si fa ancora una volta portavoce Tato Cavallino (nella foto) del Pdl, che, bollando come «peggiore del male» la soluzione proposta dall’assessore al ramo Antonio Calabrese di spostare il mercato nell’area dell’ex foro Boario di via Fontana, lancia alcuni suggerimenti.

Onde limitare la presenza di abusivi, per Cavallino occorre creare un «cancello virtuale» che chiuda al traffico veicolare viale Manzoni a partire dalle 5 del mattino, orario in cui gli ambulanti prendono posto negli spazi assegnati. I vigili urbani, posti alle estremità del viale, autorizzerebbero quindi l’accesso all’area del mercato solo agli ambulanti muniti di regolare licenza. «La chiusura al traffico – dichiara Cavallino – garantirebbe all’ambulanza una corsia preferenziale in caso di emergenza».

Per evitare ingorghi e disagi agli automobilisti, Cavallino propone poi di lasciare alcune delle vie parallele al viale Manzoni sgombre da bancarelle, consentendo il regolare deflusso al traffico veicolare. Nelle piazzole retrostanti si potrebbero allocare i bagni chimici, risolvendo così un problema igienico che assilla da anni operatori e residenti. Riguardo la pulizia dell’area, per l’esponente del Pdl occorre infine potenziare il servizio di nettezza urbana subito dopo la chiusura del mercato.