Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:27 - Lettori online 762
MODICA - 05/05/2009
Attualità - Modica: la cerimonia prevista per metà mese

Zona artigianale di Modica: inaugurazione centro servizi

Un convegno sullo sviluppo economico ed industriale del territorio aprirà ufficialmente la nuova fase
Foto CorrierediRagusa.it

Sarà inaugurato a metà mese il nuovo centro servizi (nella foto) della zona artigianale di Michelica. La struttura si trova al centro della vasta area e si sviluppa su una superficie di 800 metri quadrati su due livelli. Il centro servizi sarà il cuore operativo della zona artigianale e l’amministrazione lo affiderà alla Art.Gest., la società di gestione di Michelica che è stata costituita per dedicarsi in modo specifico ai problemi ed alla gestione dell’area artigianale.

Un convegno sullo sviluppo economico ed industriale del territorio aprirà ufficialmente la nuova fase dell’area di Michelica e segnerà il debutto ufficiale di Art.Gest.; questa è la società voluta dal consiglio comunale per affidare agli artigiani il ruolo di attori e di responsabili di Michelica. Il consiglio di amministrazione è costituito da cinque componenti; Giuseppe Boscarino è il presidente , l’amministratore delegato è Antonino Di Gregorio mentre gli altri componenti sono Emanuele Sortino, Piero Bonomo e Giorgio Savarino.

I componenti di Art. Gest. sono stati nominati dalla precedente amministrazione ma sono stati riconfermati dal sindaco Antonello Buscema per dare continuità al lavoro avviato. Quello che il nuovo consiglio comunale ha tuttavia introdotto è la iscrizione in bilancio, su un capitolo specifico, delle somme introitate per i servizi erogati a Michelica e che saranno vincolati proprio per risolvere i problemi tuttora irrisolti. Tra questi la scerbatura, la pulizia delle aree comuni, la viabilità, l’illuminazione oltre alla gestione ordinaria del centro. Il centro servizi si avvia pertanto ad essere il fulcro della zona artigianale di Michelica dove gli artigiani insediati e tutto il comparto avrà un punto di riferimento in termini di consulenza ed assistenza.

Sono ventisei al momento le imprese insediate a Michelica grazie alla assegnazione di tutti i lotti di disponibili. Le richieste di nuove aree tuttavia non mancano e le associazioni di categoria attendono che si sblocchino le pratiche per l’espansione della zona artigianali verso contrada Musebbi. Sono venticinque le imprese che hanno già fatto richiesta per ottenere dei suoli ma la mancata progettazione dell’espansione dell’area ha bloccato tutto l’iter e solo l’approvazione della variante al Prg potrà dare una risposta alla crescente domanda.

Quando la zona artigianale di Michelica sarà completata saranno quaranta i lotti occupati con l’insediamento di aziende che occupano da un minimo di cinque ad un massimo di venti unità di personale oltre naturalmente ai riflessi positivi per l’indotto. A Michelica gravitano imprese edili, di impiantisca sportiva, tipografia, lavorazione macchine, aziende meccaniche e falegnameria.

Oltre all’area di Musebbi, già destinata all’allargamento, le associazioni di categoria premono per un ulteriore allargamento della zona artigianale al di là della Ss115 ma la presenza di un supermercato, già costruito, e di un albergo, in fase di progettazione, blocca di fatto lo sviluppo. Associazioni e professionisti premono dunque per la realizzazione di nuove zone artigianali a Modica e Frigintini ma non tutti sono d’accordo a disperdere risorse e ritengono che concentrare l’attenzione sulla realtà di Michelica sia dal punto di vista economico più redditizio.