Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 933
MODICA - 03/05/2009
Attualità - La cabina di regia provinciale per la pianificazione degli eventi ha fallito

La settimana dell´abbuffata di sagre non ha convinto

L’assessore provinciale allo sviluppo economico: "Non ci siamo resi conto che tutto confluiva nel fine settimana appena trascorso. Ci penseremo per tempo il prossimo anno"
Foto CorrierediRagusa.it

Si è chiusa la settimana d’abbuffata di sagre ed appuntamenti nel territorio provinciale, che non ha per niente convinto commercianti, operatori turistici e ristoratori, lasciando perplessi anche gli amministratori locali e provinciali.

L’investimento della provincia che ha finanziato ben cinque manifestazioni,Modica, Ispica, Pozzallo,e le due sciclitane di Sampieri e Donnalucata è stato alto, ben oltre i 50mila euro, e ha costretto anche gli amministratori a fare i salti mortali.

Per essere presenti ai vari convegni di presentazione con l’assessore regionale di turno, nel caso Giovanni La Via, peraltro candidato alle europee, la giornata di sabato è stata frenetica; prima l’apertura al palazzo della cultura a Modica, poi un salto ad Ispica e quindi il convegno di Sampieri con ritardi e corse tra un comune e l’altro.

L´assessore provinciale allo sviluppo economico Enzo Cavallo (nella foto) è rimasto sorpreso in prima persona da tanta abbondanza. «Alcuni casi sono paradossali – si lascia sfuggire il titolare della delega allo sviluppo economico di palazzo del fante – «e diciamo che abbiamo sottovalutato il problema come amministrazione provinciale. Ma anche dai comuni non abbiamo avuto molta collaborazione. Bisognerà fare molto di più il prossimo anno».

Ammetterà che la cosiddetta cabina di regia non ha funzionato o forse non c’era neppure

"Dico che bisogna pianificare per tempo e questo non è stato fatto perché abbiamo voluto rispettare la volontà dei singoli comuni. Io non mi posso sostituire agli altri assessori comunali o ai sindaci. Il nostro compito è quello di trovare una sintesi alla varie proposte che vengono dalle singole realtà. A volte non è facile".

Come si è arrivato quest’anno a questa super offerta di manifestazioni tutte concentrate nello stesso periodo?

"L’unico appuntamento «storico» è stato quello della sagra del pomodoro di Sampieri. Si è tenuto sempre in questo periodo ed il problema non si è mai posto. E’ paradossale invece che il comune di Scicli organizzi due sagre nel giro di qualche chilometro. La manifestazione sul cioccolato di Modica è arrivata quasi all’improvviso perché prima si doveva fare a novembre. Poi è stata anticipata perché gli artigiani hanno voluto così. Pozzallo e Ispica sono appuntamenti nuovi e non ne sapevamo nulla fino a qualche settimana prima. Troppo tardi.

Dunque lei ci conferma che siete stati colti di sorpresa?

"Diciamo di sì; non ci siamo resi conto che tutto confluiva nel fine settimana appena trascorso. Ci penseremo per tempo il prossimo anno per mettere tutti d’accordo".