Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 998
MODICA - 28/10/2007
Attualità - Modica - Progetto Emergi: i risultati dell’indagine conoscitiva

L´assenza di personale
qualificato favorisce
i contratti a tempo determinato

Sono queste le cause scatenanti del lavoro nero o irregolare Foto Corrierediragusa.it

Artigiani ed imprenditori vogliono investire sul capitale umano ma lamentano la separazione tra il fabbisogno formativo specifico e le iniziative formative che pubblico e privato avviano. La mancanza di personale formato rallenta lo sviluppo delle aziende che spesso e volentieri ricorrono a contratti a tempo determinato.

Una analisi del comparto produttivo del comprensorio modicano è stata svolta al gruppo di lavoro costituto da dodici giovani nell’ambito del progetto Emergi. Questo si è proposto di portare alla luce il perché e la dimensione del lavoro nero nell’area presa in esame ma nel contempo ha fatto risaltare alcune peculiarità del nostro territorio. I test ed i sondaggi somministrati parlano anche di un territorio dove i progetti di espansione sono fortemente limitati dall’assenza o carenza di servizi primari e creano disagi di carattere gestionale ed organizzativo alle aziende. Questi sono in particolare segnalati nell’area artigianale di Michelica e nella zona industriale di Maganuco.

Le risultanze dell’indagine svolta dai corsisti sono state raccolte in volume dal titolo « Lavoro d’oro contro lavoro nero» e presentate nel corso di un workshop tenuto a palazzo dalla cultura con la relazione di Nicola Cerpelloni. L’immagine complessiva del territorio modicano è di un sistema economico contraddistinto dalla dinamicità e dal trend positivo di crescita, insieme alla conferma che gli elementi di fragilità che frenano le imprese come appunto le infrastrutture. In molti casi tuttavia questo contesto «ostile» viene superato dalla spiccato spirito imprenditoriale locale e dalla caparbietà di chi crede nel proprio progetto al di là di tutto.