Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 760
MODICA - 20/04/2009
Attualità - Modica: il segretario generale della Cgil si concede un break dal sindacato

Fine settimana tutto modicano per Guglielmo Epifani

«Questo è un territorio ricco di arte, cultura e sapori»
Foto CorrierediRagusa.it

Fine settimana intenso per Guglielmo Epifani (nella foto da dx con Giovanni Avola). Il segretario generale della Cgil si concede un break dal sindacato e si dà all’arte ed alla gastronomia. Visita strettamente privata quella di Epifani che è raggiunto dal segretario regionale Italo Tripi; fa da cicerone Giovanni Avola che scherma Epifani e mantiene la sua privacy. Epifani coglie l’occasione di rivedere Modica per il vernissage di Sonia Alvarez per una serata intensa, ricca di incontri con molti esponenti del gruppo di Scicli.

Piero Guccione è l’anfitrione insieme a Franco Di Rosolini, titolare della galleria. Epifani si ferma a lungo, ammira le atmosfere soffuse ed i tratti gentili della mano di Sonia Alvarez con la quale i coniugi Epifani hanno da tempo stretto una solida amicizia. La serata continua in un noto ristorante del centro storico con vista panoramica sulle colline della città, cena cui partecipa anche il sindaco Antonello Buscema. La mattinata è invece all’insegna di dolci e cioccolato.

"Veramente buono, non lo ricordavo così» si lascia scappare il segretario nella saletta riservata per lui. Daniele serve cornetti, impanatigghie e dolci di mandorla oltre all’immancabile tazza di cioccolata con piccoli assaggi di cioccolato ai vari gusti. La barretta al peperoncino è quella che incontra il favore di Epifani. «E’ un territorio ricco di arte, cultura e sapori» dice il segretario facendo i complimenti a Giovanni Avola. Poi sotto la vigilanza discreta degli uomini della Digos Epifani lascia la città con la rituale confezione di barrette.