Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 863
MODICA - 26/10/2007
Attualità - Modica - "Tiratina d’orecchi" di Giovanni Cultrera all’assessore

Il presidente dello Iacp
bacchetta Cavallino
sulle case popolari

Non sono state gradite le critiche sui presunti mancati interventi Foto Corrierediragusa.it

Giovanni Cultrera bacchetta Tato Cavallino (nella foto). Al presidente dell´Istituto autonomo delle case popolari non sono piaciuti i toni e le espressioni usate da Cavallino nella sua veste di assessore con delega alle case popolari. Cavallino aveva infatti usato parole forti nei confronti del presidente e dell’ente in relazione ai mancati interventi presso i lotti di Treppiedi.

Cultrera inoltre lamenta il fatto che le comunicazioni riguardanti gli interventi ai lotti 48,49 e 50 siano state diffuse anticipatamente dall’assessore rispetto al recapito ufficiale della nota firmata dallo stesso Cavallino arrivata sul tavolo del presidente dopo cinque giorni della pubblica presa di posizione di Cavallino.

L’assessore, fa notare inoltre il presidente Cultrera , è anche dipendente dell’ente, e dovrebbe tenere un profilo più basso rispetto alle problematiche che man mano emergono e comunque non arrivare a toni esasperati e quasi di sfida con quello che rappresenta anche il suo datore di lavoro.

Nel merito delle questioni sollevate da Tato Cavallino Cultrera ribadisce che gli interventi strutturali nei lotti interessati sono rimandati ormai al più ampio progetto del contratto di quartiere; altri interventi come la dotazione di porte anti incendio sono stati già eseguiti. Il presidente nella sua nota si è messo a disposizione del sindaco Torchi e degli assegnatari ma ha preso le distanze dall’assessore in modo deciso tanto da ritenere «superata la necessità di un incontro con l’assessore» per discutere dei problemi segnalati.