Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1344
MODICA - 13/03/2009
Attualità - Modica: ordinanza sindacale per dirimere la matassa

Aperture domenicali, tutti d´accordo

Si placa lo scontro tra associazioni di categoria e sindacato dei dipendenti

L’ordinanza del sindaco mette tutti d’accordo e placa lo scontro tra associazioni di categoria e sindacato dei dipendenti. L’amministrazione ha infatti emanato l’ordinanza con la quale si disciplinano le aperture festive per il settore alimentare e non a cominciare dalle due ultime domeniche di questo mese.

La filosofia che ha ispirato Buscema è quella di concedere la deroga alla chiusura nelle ore antimeridiane per il settore alimentare e quella pomeridiana per il settore non alimentare. La decisione del sindaco parte dall’osservazione del fenomeno turistico in città, dalle esigenze dei commercianti ma anche delle associazioni dei dipendenti che a lungo hanno reclamato il rispetto del riposo festivo. La deroga alla chiusura è naturalmente volontaria ed ogni singola impresa potrà decidere come comportarsi anche se dovrà pubblicizzare i propri orari.

Con le aperture festive si comincia dunque domenica 22 e 29 di questo mese. Quattro i festivi in deroga ad aprile, il 5, il 19, il 25 ed il 26; tutte le domeniche di maggio i negozi potranno derogare dalla chiusura mentre a giugno solo il giorno 28 è previsto in deroga. Nel mese di luglio solo la prima domenica. Per il restante periodo dell’anno Antonello Buscema ha intenzione di convocare una conferenza di servizio con i rappresentanti di sindacati, associazioni, rappresentanti dei lavoratori e dei consumatori che potranno dare le loro indicazioni su come affrontare il problema delle chiusure e delle aperture festive per i restanti sei mesi dell’anno.

Buscema fa appello alla coscienza, alla lungimiranza ed alla tolleranza di quanti sono interessati al problema e rileva come la mutata realtà commerciale nel comprensorio ed in provincia obbliga a scelte condivise e rispettose degli interessi di ognuno. Da parte sua il comitato dei dipendenti chiede subito la convocazione della conferenza di servizio ed il rispetto degli accordi contrattuali che prevedono turnazioni per ogni festivo lavorato.