Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 555
MODICA - 07/03/2009
Attualità - Modica: oggi alle 16.30 incontro a tema nella sede dell’assessorato

Modica: la riduzione della spesa dei servizi sociali

La riunione è stata richiesta dal sindaco Antonello Buscema e dall’assessore Enzo Scarso
Foto CorrierediRagusa.it

Sulla delicata vicenda della riduzione della spesa riservata al settore dei servizi sociali sarà incentrata la riunione della consulta degli anziani. L’incontro, richiesto dal sindaco Antonello Buscema e dall’assessore ai servizi sociali Enzo Scarso (nella foto) al presidente dell’organismo Giuseppe Ruta, si tiene oggi alle 16.30 nella sede dell’assessorato ai servizi sociali.

Secondo l’assessore Scarso, «in un momento così delicato per la vita dell’ente e cruciale per una gestione nuova, razionale, snella, efficiente e professionale dei servizi sociali, è indispensabile che tutti insieme ci si continui a confrontare, nella consapevolezza che vanno assunte nel più breve tempo possibile e senza alcun tentennamento, decisioni che salvaguardino i posti di lavoro, ma anche la qualità dei servizi offerti».

L’assessore Scarso, in questi giorni frenetici, coadiuvato dalla dirigenza del settore e da tutti i funzionari e i dipendenti, ha lavorato per individuare tutti gli ambiti d’azione possibili, al fine di intercettare le potenziali economie che soddisfino l’esigenza di servizi efficienti e rivolti ad una utenza che necessiti in maniera oggettiva.

«Abbiamo potuto proporre al sindaco e all’amministrazione – aggiunge Scarso – una reale, equilibrata e allo stesso tempo fortissima riduzione della spesa, senza incidere negativamente sui livelli occupazionali. Il metodo seguito è stato, infatti, quello di chiedere piccoli sacrifici a tutti i lavoratori. Da un punto di vista ragionieristico – conclude Scarso – le soluzioni sono state individuate e occorre adesso applicarle da un punto di vista sociale, sindacale e politico».