Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 841
MODICA - 27/02/2009
Attualità - Modica: Elio Scifo, assessore all’urbanistica, ha presentato tutta la nuova modulistica

Modica: concessioni edilizie rilasciate in appena 60 giorni!

"Si tratta di un risparmio di tempo e di costi per i clienti che dovevano attendere tempi molto lunghi: in media ci voleva circa un anno"
Foto CorrierediRagusa.it

Sessanta giorni per ottenere una concessione edilizia. Elio Scifo (nella foto) assessore all’urbanistica, ha presentato tutta la nuova modulistica ad una cinquantina di professionisti presenti al Palazasi interessati al nuovo corso introdotto presso l’ufficio tecnico comunale.

"Si tratta di un risparmio di tempo – dice l’assessore – ma anche di costi per i clienti che dovevano attendere tempi molto lunghi: in media ci voleva circa un anno perché venisse rilasciata una concessione». Scifo non ha inventato nulla di suo ma ha solo applicato la normativa in fatto di silenzio assenso che prima non era applicata.

Dal momento della presentazione della domanda per una nuova concessione edilizia, per una autorizzazione ad apportare modifiche ad un edificio, il tecnico responsabile dei lavori dovrà dichiarare sotto la sua responsabilità che tutta la normativa è stata osservata e sottoscrivere una perizia giurata. Se entro due mesi il tecnico non riceverà comunicazione i lavori potranno essere avviati.

«Snelliremo così il carico degli uffici e soprattutto daremo risposte più celeri ai cittadini» dice Elio Scifo. L’assessorato all’urbanistica da tre mesi a questa parte è tra l’altro impegnato a smaltire tutto l’arretrato accumulato; sono stati assegnate altre unità di personale all’ufficio ed è stato finanziato un progetto specifico per lo smaltimento delle pratiche. « Siamo al cinquanta per cento, l’arretrato sarà evaso entro un paio di mesi e ripartiremo da zero. L’introduzione delle nuove pratiche inoltre ci consentirà di stare sempre al passo e di non accumulare ritardi.»