Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1146
MODICA - 18/02/2009
Attualità - Modica: la "cura" di Giorgio Aprile e Michele Colombo per il bilancio

Modica: come risparmiare 4 milioni e mezzo

I 2 consiglieri hanno fatto un po’ di conti e sono riusciti ad individuare alcune spese non necessarie
Foto CorrierediRagusa.it

Quattro milioni e mezzo di risparmio sul prossimo bilancio. E’ la proposta concreta che arriva al sindaco da parte di Giorgio Aprile (nella foto) e Michele Colombo, consiglieri di «Modica in primo piano». I due consiglieri hanno fatto un po’ di conti e sono riusciti ad individuare alcune spese non necessarie dimostrando che evitare il dissesto e rimettere il comune sulla giusta rotta è possibile. Primo taglio riguarda quello del servizio scolastico ed in particolare mense e trasporti. Questo costa oggi un milione 300 mila euro ma facendo pagare le famiglie non a basso reddito si può arrivare ad 800mila euro.

Tagli netti a tutti i contributi a favore di società sportive ed associazioni , inclusi spettacoli e stagione teatrale; la somma recuperata è di 235mila euro. A questi si aggiungono i 41 mila euro a favore della Scherma Modica. Azzeramento anche per l’istituto musicale che incide per 160mila euro l’anno che potrebbe continuare a svolgere la sua attività solo grazie al contributo degli iscritti. Anche gli attuali corsi di laurea dovrebbero essere trasferiti al consorzio universitario di Ragusa azzerando il costo di un milione 200mila euro annui.

Incisivo il taglio anche per i contrattisti; questi godono infatti di una integrazione a 36 ore per le mansioni per le quali sono occupati. Il risparmio stimato è di 800mila euro l’anno. Pesante la manovra sui servizi sociali che costano al comune due milioni di euro l’anno. Con l’applicazione dei ticket per i servizi a domanda individuale si potrebbe arrivare ad un risparmio di un milione 550mila euro.

Nell’arco di un triennio, evidenziano i due consiglieri si realizza così un risparmio di tredici milioni che potrebbero anche aumentare se il consiglio comunale riesce ad individuare un sito per la discarica. La disponibilità di una discarica nel territorio comporta infatti una di munizione notevole dei costi di conferimento con un risparmio stimato in due milioni di euro. Oggi intanto Buscema comincia il suo giro di consultazioni con sindacati e associazioni di categoria per illustrare il piano elaborato in giunta e che non si discosta molto da quello proposto da Michele Colombo e Giorgio Aprile.