Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1149
MODICA - 07/02/2009
Attualità - Modica - Barriere architettoniche nella sede del comune

Palazzo San Domenico, accesso negato ai diversamente abili

E il capogruppo consiliare di «Modica in primo piano» Michele Colombo punta il dito sulle problematiche della riabilitazione
Foto CorrierediRagusa.it

Accesso sbarrato all’ascensore di palazzo San Domenico per cani, gatti, volatili e… diversamente abili. Un paradosso tutto modicano scaturito dalla «geniale» idea di qualche dirigente che, per impedire l’accesso a randagi e piccioni nell’atrio comunale, ha pensato di farvi installare una rete che, di fatto, rende inaccessibile l’ascensore costruito per i diversamente abili, comunque da anni fuori servizio.

In verità l’ascensore funzionò solo per pochi giorni, prima di andare definitivamente in malora. Ma adesso l’installazione della rete per «blindare» il chiostro dagli animali che vi cercano riparo per la notte, ha spento ogni residua speranza di rivedere un giorno in funzione l’ascensore. L’opera fu realizzata anni fa con un notevole dispendio di denaro pubblico.

«Ero presente all’inaugurazione dell’ascensore e – dichiara il diversamente abile Antonio Giannone – nonostante abbia potuto fruirne poche volte prima del grave guasto, non avevo smesso di credere in un comune accessibile a tutti. Penso di poter purtroppo dire – conclude mestamente Giannone – che il piccolo sogno mio e degli altri ragazzi che versano nelle mie stesse condizioni, si è infranto».

Sempre in tema di diversamente abili, il capogruppo consiliare di «Modica in primo piano» Michele Colombo punta il dito sulle problematiche relative alla riabilitazione, scaturite dalla mancata attivazione della sede del consorzio servizi riabilitativi (Csr) sita nella circonvallazione ortisiana. Una delegazione di genitori, guidata dallo stesso Colombo, si è presentata nella stanza del sindaco Antonello Buscema per illustrare i disagi patiti ogni giorno per condurre i figli disabili in strutture di centri limitrofi. La delegazione incontrerà nei prossimi giorni anche il direttore generale dell’Ausl 7 Fulvio Manno per ricevere lumi sull’attivazione del servizio in città.

(Nella foto in alto l´atrio di palazzo San Domenico)