Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1206
MODICA - 01/02/2009
Attualità - Modica - L’associazione d’ispirazione evangelica fondata nel 1988

"Piccoli fratelli" da 20 anni in pista, ora con un pulmino nuovo

Alla cerimonia d’inaugurazione del nuovo mezzo di trasporto per i diversamente abili ha partecipato il sindaco Antonello Buscema
Foto CorrierediRagusa.it

«Piccoli fratelli» in pista da oltre vent’anni. Adesso con un pulmino nuovo di zecca (nella foto di Carmelo Poidomani), per continuare a garantire un servizio di qualità ai soggetti meno fortunati. Un ulteriore punto d’inizio per un’associazione che si batte senza sosta per la promozione dei diritti dei diversamente abili, per l’abbattimento delle barriere architettoniche e, purtroppo anche mentali, in tutta la provincia iblea.

L’Associazione si ispira al messaggio evangelico, con la lettura periodica della Bibbia. Il nuovo pulmino a nove posti, che sostituisce quello divenuto ormai obsoleto e usurato dopo anni di ininterrotto servizio, è stato donato dalla ditta «Metra» di Ragusa, con il contributo del gruppo «Scar» e grazie altresì al sostegno di scuole, parrocchie, singoli cittadini e famiglie con le loro piccole ma significative offerte.

La sobria cerimonia d’inaugurazione del nuovo mezzo di trasporto per i diversamente abili ha visto la partecipazione del sindaco Antonello Buscema, da sempre sensibile verso il mondo del sociale, nonché dell’amministratrice unica della «Metra» Maria Poidomani e di Mario Schininà della «Scar». E’ stato il parroco del quartiere di Treppiedi don Gianni Marina ad impartire la benedizione. Il nuovo pulmino rappresenta tanto per decine di persone che si accontentano di poco per godersi la vita.

Quei diversamente abili che hanno tanto da insegnare a quanti non hanno occhi per vedere il reale senso della vita, troppo spesso prosciugata da quella fonte di solidarietà che l’associazione «Piccoli fratelli» non si stanca di diffondere, grazie anche all’apporto della cooperativa sociale «Alberto Portogallo», fondata dalla stessa associazione nel 1999 e che sopravvive nonostante le difficoltà finanziarie in cui versa il comune. La cooperativa si occupa del servizio di trasporto comunale per disabili in convenzione con palazzo San Domenico, tramite i mezzi attrezzati donati dalla «Banca Agricola Popolare di Ragusa».

Alla «Portogallo» sono gli stessi diversamente abili a fungere da accompagnatori, coadiuvando l’autista di turno nel giro quotidiano per prelevare a domicilio quanti fruiscono del servizio in maniera del tutto gratuita. Un modo per rendere partecipi i disabili alla vita sociale, anche attraverso le attività editoriali della libreria «Equilibri» di via Resistenza Partigiana, gestita sempre dalla cooperativa con il supporto di persone con handicap fisico e mentale. D’altronde, il diritto al lavoro e quello al trasporto sono da sempre stati i cavalli di battaglia dell’associazione «Piccoli fratelli». Concetti intesi come strumenti per l’autonomia delle persone diversamente abili, ma anche per la realizzazione di progetti rivolti ad immigrati, persone con problemi di salute mentale, e bambini. Sono periodicamente organizzati laboratori di oggettistica, attività sportive ed escursioni. Dell’associazione fanno parte attualmente circa 70 soci impegnati nello svolgimento di attività in favore di 30 utenti disabili.

Oltre che con il supporto dei volontari, le attività sono svolte dagli operatori dei lavori socialmente utili, dalle ragazze in servizio civile volontario e dai tutor del progetto «Tutoraggio disabili» del piano di zona del distretto 45, attivo nei comuni di Modica e Scicli. Per fruire del servizio offerto dall’associazione «Piccoli Fratelli» basta un colloquio tra lo stesso utente o i suoi familiari ed i responsabili del servizio Salvo Garofalo e Antonino Saglimbeni, chiamando il numero 0932-761794.