Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 772
MODICA - 29/01/2009
Attualità - Modica - La contestata opera di piazza Corrado Rizzone "risorgerà"

L´acqua tornerà a zampillare dalla fontana abbandonata

L’assessore al centro storico Elio Scifo non intende modificare
e tantomeno rimuovere il monumento, ma rimetterlo a nuovo
Foto CorrierediRagusa.it

Elio Scifo, assessore al centro storico, lavora da qualche settimana per rimettere in sesto la fontana di piazza Rizzone (nella foto). Abbandonata a se stessa da quasi dieci mesi la fontana con erbacce ormai di casa tra gli interstizi del rivestimento in ciottoli Scifo, componente della giunta Ruta che commissionò e volle la fontana, vuole innanzitutto sgombrare il campo da ogni equivoco. «La fontana c’è e là resta. Non possiamo permetterci di rimuoverla o di modificarla. Chi pagherebbe e soprattutto come giustificare questa spesa ? La proposta avanzata recentemente da un geometra modicano che con tanto di plastico esposto in comune vuole rimodulare lo spazio di piazza Rizzone non è condivisibile. Sto invece lavorando ad una ipotesi di messa in moto delle pompe e dei macchinari che ci consentano di attivare la fontana».

Perché la fontana si è fermata ?

C’è un problema di fondo. L’acqua che è messa in circolo confluisce solo in una vasca e viene di nuovo riutilizzata. Succede così che dopo alcuni giorni l’acqua si fa melmosa per via di agenti atmosferici e sporcizia ed il fango va ad intasare il motore bloccandolo di fatto. Da qui è nata la necessità di intervenire con sempre maggiore assiduità per il funzionamento.

Come si risolve il problema ?

Stiamo studiando il modo di separare la vasca dove confluisce l’acqua. Dobbiamo fare in modo di separare l’acqua piena di melma e l’acqua che deve andare in circolo. In una metà della attuale vasca raccoglieremo l’acqua sporca che grazie ad un sistema di depurazione andrà poi nell’altra metà da dove le pompe la rimetteranno in circolo. L’acqua pulita eviterà di intasare i motori e noi avremo il vantaggio di una manutenzione più leggera da tutti i punti di vista e dall’altro di avere sempre una fontana funzionante

Il gioco dell’acqua resterà lo stesso di prima ?

Dobbiamo apportare anche là delle modifiche. Lo scorrere del’acqua sulle pietre dà luogo ad un processo lento ma continuo di evaporazione soprattutto nei mesi caldi che fa consumare l’acqua e quindi fa bloccare le pompe. Penso ad un paio di zampilli alti, più pratici e anche spettacolari.

Che tempi ci sono ?

Tempi brevi. Qualche settimana ma prima dovrò avere a disposizione i fondi delle manutenzioni ci metteremo al lavoro. Bastano poche migliaia di euro ed il gioco è fatto. Saremo in grado di mantenere l’opera con il nostro personale e tutto sarà più facile. La fontana di Cellini, piaccia o no, resta e non possiamo pensare ad altre soluzioni ».