Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 738
MODICA - 22/01/2009
Attualità - Modica - Una testimonianza diretta per il giorno della memoria

Modica: un rabbino al liceo classico

Luciano Caro, sopravvissuto alle deportazioni, ha coinvolto
i liceali con il suo linguaggio schietto, nel ricordo ella Shoah
Foto CorrierediRagusa.it

Una testimonianza diretta per il giorno della memoria. Gli studenti del liceo classico « Tommaso Campailla « hanno ospitato il rabbino capo della comunità ebraica di Ferrara per commemorare la Shoah. Luciano Caro (nella foto da dx con il dirigente scolastico Salvatore Carpanzano), sopravvissuto alle deportazioni, ha coinvolto i liceali con il suo linguaggio schietto, con ricordi molto circostanziati della sua esperienza personale e familiare. Il rabbino di Ferrara ha ricordato soprattutto il contesto politico sociale dell’Italia degli anni 40’ fino alla conclusione della guerra. L’inizio delle persecuzioni e delle leggi razziali, ha ricordato Caro, non furono percepite nella loro gravità dalla comunità ebraica che ben presto dovette invece subire emarginazioni e persecuzioni.

Caro ha ricordato come ben quattro mila studenti, poco prima della guerra, furono costretti a lasciare la scuola proprio perché ebrei. « Il messaggio di questa tragedia – ha concluso Luciano Caro – è di dire no all’indifferenza e di non dar adito a complicità di ogni genere. Oggi non è il momento dell’odio per quello che è successo, ma quello della riflessione per capire come e perché tutto questo è potuto accadere».

Gli studenti Armando Barni, Venere Piluso, Enrico Caruso, Giuseppe Incatasciato, Paola Castello, con il coordinamento della docente di religione Gabriella Agosta,Miriam Causarano, hanno allestito nell’aula di Fisica dell’istituto una mostra con foto significative scattate nel corso di un viaggio di istruzione al campo di concentramento di Dachau in Baviera. Le foto sono state corredate da commenti e didascalie dalle quali traspaiono il sentimento e la partecipazione degli studenti. Un video sulle tappe che hanno determinato la Shoah ha concluso l’incontro di cui il dirigente scolastico, Salvatore Carpanzano, ha sottolineato l’alto valore didattico ed educativo.