Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 810
MODICA - 20/01/2009
Attualità - Modica - Andrea Tidona e Giorgio Pace non ci stanno

Modica: bufera sul teatro

I due direttori artistici tendono il ramoscello di ulivo rispetto
alle accuse lanciate dal consigliere comunale Nino Gerratana
Foto CorrierediRagusa.it

Appena due spettacoli ed è già bufera sulla stagione del teatro Garibaldi (nella foto). I due direttori artistici, Giorgio Pace ed Andrea Tidona, non ci stanno « Le strumentalizzazioni di tipo politico, condite da illazioni senza fondamento, non dovrebbero appartenere ai costumi ed al buon gusto di questa città. Prima di dare giudizi affrettati, attendiamo che la stagione finisca e sui bilanci reali potremo discutere».

I due direttori artistici tendono dunque il ramoscello di ulivo rispetto alle accuse lanciate da Nino Gerratana, consigliere Pdl, sulla gestione della stagione, sui suoi costi, sulla organizzazione generale dei servizi. Gerratana ha tirato in ballo una società che avrebbe avuto una consulenza a titolo oneroso per la stagione, ha posto il problema del personale addetto alla comunicazione. Il consigliere Pdl non è tuttavia entrato nello specifico e si è sempre mantenuto sul vago tanto da guadagnarsi sul campo una querela da parte della società di consulenza che sostiene di avere prestato in modo gratuito la sua opera.

Pur se Gerratana non si è mai addentrato nel merito artistico ha sollevato comunque un polverone che rischia di gettare ombre su una stagione che l’amministrazione ha voluto quest’anno diversa sia nell’organizzazione sia nell’affidamento degli incarichi artistici e non. La sortita di Nino Gerratana appare a questo punto viziata da presupposti politici che attengono semmai il confronto tra i partiti o nell’aula consiliare ma nulla hanno a che vedere con il gradimento del pubblico e le scelte artistiche che sono i due pilastri sui quali dovrebbero essere giudicati i protagonisti della stagione del teatro.