Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1151
MODICA - 12/09/2007
Attualità - La città si doterà presto di una nuova discarica

Emergenza ambientale
Torchi: "Ci vuole unità"

Invocati gli stati generali della politica Foto Corrierediragusa.it

Il sindaco Piero Torchi invoca gli stati generali della politica e delle istituzioni. « Sull’emergenza ambientale ?dice il sindaco di Modica ? non possiamo dividerci , è il momento di trovare una soluzione comune».

Torchi ha già dato la disponibilità della sua amministrazione per individuare il sito di una discarica nel territorio comunale ma questo percorso sembra al momento di lungo periodo anche perché in seno al consiglio comunale non tutti, a cominciare dal centro sinistra, sono d’accordo.

«C’è la necessità di avviare una seria riflessione a livello provinciale sulla problematica legata allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani ed alla politica ambientale che coinvolga non solo i comuni, la provincia e l’Ato, ma anche i parlamentari regionali e nazionali, che superi le conflittualità esistenti e che disegni una strategia complessiva e condivisa per quello che rischia di diventare il problema dei problemi non solo per questo territorio ma anche per il resto della Sicilia».

Torchi non vuole dividere, cerca un accordo anche in qualità di presidente del distretto culturale del sud est. « Individuiamo ciò che non è accettabile ma perseguiamo con convinzione gli obiettivi che emergeranno in maniera comune e condivisa.

Il rischio altrimenti è di lacerarsi, di creare profonde spaccature tra città e comprensori, di esasperare intere comunità e di costringere ogni giorno, in maniera imbarazzante, amministratori che siedono per altri motivi attorno allo stesso tavolo a litigare per difendere le giuste rivendicazioni dei cittadini amministrati. Probabilmente questa ultima soluzione servirà politicamente a pochi ma certamente non aiuterà né il territorio, né il futuro della provincia».